Morte Desirée Mariottini: Tribunale Riesame annulla accusa omicidio per due degli arrestati

Caduta anche l'accusa di violenza sessuale di gruppo per Chima Alinno e Brian Minthe, mentre resta quella per spaccio di droga

Via dei Lucani 22 a San Lorenzo

Il Tribunale del Riesame ha fatto cadere l'accusa di omicidio per due degli arrestati per la morte Desirée Mariottini, la 16enne di Cisterna di Latina, trovata morta nella notte tra il 18 e il 19 ottobre in un edificio abbandonato in via dei Lucani, a San Lorenzo. 

Si tratta di Chima Alinno, il 47enne nigeriano e di Brian Minthe, 43 anni senegalese. Per i due, che restano comunque in carcere, cade anche l'accusa  di violenza sessuale di gruppo in abuso sessuale su minore mentre resta quella per spaccio. 

Domani intanto è fissata l'udienza del Riesame per Mamadou Gara, il terzo africano arrestato a Roma: a questo punto anche per lui potrebbe cadere l'accusa di omicidio. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Sciopero Roma 25 ottobre 2019: metro, bus e Cotral a rischio. Orari e informazioni

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

Torna su
RomaToday è in caricamento