Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Prenestino / Largo Agosta

Tilde morta per una pallonata: la tragedia di largo Agosta si poteva evitare

Tilde Procesi, residente a Tor de' Schiavi, era uscita per portare a passeggio il suo cane

Era uscita a portare a passeggio il cane, poi la tragedia. Tilde Procesi, 82 anni, è morta nella serata del 12 settembre in seguito a una pallonata che l'avrebbe colpita in pieno. Erano da poco passate le 18 e l'anziana, residente di zona, secondo diversi testimoni che hanno assistito alla scena era seduta.

Tilde, quindi, sarebbe stata centrata da una pallonata, poi si è accasciata. I bambini, tra gli 8 e gli 11 anni che di solito giocano a calcio nella piazza difronte la parrocchia del Santissimo Sacramento, non si sarebbero accorti di nulla. Sul posto, allertati da alcuni residenti, i militari della Guardia di Finanza che erano in servizio proprio a Tor de' Schiavi. Immediata la chiamata al 118, con l'ambulanza giunta in pochissimi minuti.

Inutili i disperati tentativi di rianimarla durati per oltre mezz'ora. Tilde Procesi, poco prima delle 20, è stata dichiarata morta. Al momento sulla vicenda ci sono indagini in corso ed è stata informata la Procura di Roma. La pallonata, secondo chi indaga, potrebbe non aver causato la morte della donna.

Le ipotesi sono quelle di una caduta sull'asfalto dopo il colpo, oppure il malore subito dopo che il pallone ha colpito la signora Tilde o anche che il colpo, al petto, le avrebbe causato una frattura alle costole per poi averle generato problemi respiratori fatali. Al momento sono tutte supposizioni. Sarà l'autopsia a far luce sulla vicenda

In passato non sono mancati incidenti ed i residenti, a più riprese, hanno chiesto più attenzione da parte di Municipio e forze dell'ordine dopo che qualcuno ha dovuto ricorrere anche a cure mediche. Qualcuno ha anche presentato un esposto e spesso ci sono state discussioni tra genitori dei bambini e residenti. 

"Una disgrazia che si poteva evitare - secondo Angelo, che vive a pochi metri da Largo Agosta - Sono vicino al dolore dei famigliari della vittima, ma ancora di più alla famiglia del bambino. Non mi sento di accusare un bambino, perché poteva essere mio figlio, ma sono fermamente convinto che se i bambini avessero dei luoghi, come le due aree verdi nelle vicinanze riqualificate, oggi nessuno avrebbe pianto per un calcio al pallone".

"Quella piazza dovrebbe avere una fontana, anziani che giocano a carte e uno spazio decidato solo ai bambini", è il pensiero di Paola. "Mi auguro che avranno buon cuore di lasciar in pace i bambini. Purtroppo una bruttissima casualità", secondo Sara. Sulla vicenda, con un post su Facebook, è intervenuto anche Luca Di Bartolomei, figlio dello storico Agostino della Roma: "La morte di una 82enne a Largo Agosta per una pallonata é una notizia tremenda e alla famiglia vanno le più sentite condoglianze. Detto questo eviterei stupidaggini colpevolizzando dei bambini che giocano a pallone in assenza di spazi dedicati nel tessuto urbanizzato".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tilde morta per una pallonata: la tragedia di largo Agosta si poteva evitare

RomaToday è in caricamento