Cronaca Esquilino / Via Giovanni Giolitti

Termini: chiedono soldi alle erogatrici dei biglietti, non c'è pace per i passeggeri

Quarantatre le persone denunciate dai carabinieri in azione allo scalo ferroviario romano. Sono nove uomini e 34 donne

Porre un limite al degrado in cui versa la Stazione Termini e provare a dare nuovo decoro a tutta l'area circostante. Così i carabinieri del nucleo Scalo Termini coadiuvati dai carabinieri della compagnia speciale e da quelli dell’8° reggimento Lazio ieri hanno svolto un servizio straordinario di controllo antidegrado in tutta l’area dello scalo ferroviario di Roma Termini denunciando a piede libero ben 43 persone.

I MOLESTATORI - Si tratta di 9 uomini e 34 donne, tutti cittadini romeni, di età compresa tra i 20 e i 37 anni, provenienti dal campo nomadi di via della Chimica, ad Aprilia (in provincia di Latina). Molti di loro, 19 su 43, sono stati deferiti per l'inosservanza del foglio di via obbligatorio emesso precedentemente a loro carico, mentre gli altri 24 sono stati sorpresi dai Carabinieri a infastidire pesantemente i passeggeri nei pressi delle biglietterie automatiche, chiedendo loro offerte in denaro. Due dei denunciati, infine, al momento del controllo dei militari, si sono anche rifiutati di fornire le proprie generalità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termini: chiedono soldi alle erogatrici dei biglietti, non c'è pace per i passeggeri

RomaToday è in caricamento