Camorra: orologi di lusso e 33 Ferrari a Montecarlo. Il tesoro del clan Moccia per affermare la potenza criminale

I militari, nelle abitazioni di Angelo Moccia e di un suo complice, hanno scoperto e sequestrato circa 10.000 euro in contanti e 10 orologi di pregio

Ville, orologi di lusso, Porsche e "33 Ferrari a Montecarlo", tra queste anche una Testa Rossa da collezione, immatricolata il 12, 12 del 2012. Una vera chicca per il amanti del genere. E' anche così che, secondo il Gip Rosalba Liso, i pm Giovanni Musarò e Maria Teresa Gerace e i carabinieri del Nucleo investigativo e del Reparto operativo di Roma, i componenti del clan Moccia a Roma ostentavano ricchezze, soprattutto per affermare all'esterno la loro caratura criminale.

Nella serata del 29 settembre, dopo l'operazione che ha portato all'arresto di 13 esponenti del clan tra cui i capi Angelo e Luigi Moccia, i militari dell'Arma, nelle abitazioni di Angelo Moccia e F.V. (con il suo aiuto, secondo le indagini, il clan si era riuscito a riprendere dal Tribunale di Roma cinque dei 14 ristoranti sequestrati in un primo momento per motivi fiscali), hanno scoperto e sequestrato ulteriore denaro e beni di lusso.

Sequestrati 10 orologi di lusso

Si tratta di 10.000 euro in contanti e 10 orologi di pregio, del valore complessivo di oltre 50.000 euro, ritenuti, come spiegano gli inquirenti, "provento delle attività illecite dell'organizzazione, consistente nella gestione degli interessi economici del clan nella Capitale, in particolare, delle varie attività commerciali coinvolte nell'inchiesta, di un'estorsione con metodo mafioso ed il reimpiego di capitali illeciti in investimenti immobiliari ed in macchine di lusso, sempre attraverso fittizie intestazioni volte ad evitare che i beni in questione finissero sotto la scure delle misure di prevenzione disposte dopo le pesanti condanne inflitte ad alcuni degli indagati".

I carabinieri, nelle ore precedenti, avevano già dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo di beni, anche ai fini della confisca, di parte del patrimonio del clan, del valore complessivo di circa 4 milioni di euro, ricostruito e individuato nel corso delle indagini. 

Non solo i ristoranti in centro: le mani del clan Moccia anche sull'usura. Tra le vittime il figlio di Gigi D'Alessio

Ferrari e Porsche per affermare la potenza del clan

Orologi, beni di lusso, denaro liquido ma anche, e soprattutto, la disponibilità delle auto di nicchia. Ricchezze che, come si legge dalle 96 pagine dell'ordinanza firmata dal Gip Liso, avevano anche il "valore strumentale di manifestare all'esterno la potenza economica del clan". 

In diverse conversazioni intercettate, del resto, come sottolinea il Gip si comprende "l'alto tenore di vita, l'uso di macchine costose, gli immobili di pregio. Elementi che fanno parte di uno stile camorristico per esercitare maggiore influenza sulle persone ed estendere la rete di contatti per infiltrarsi nell'economia legale".

La Ferrari del 12 - 12 - 2012

In uno stralcio, Angelo Moccia è chiaro: "Se quel contatto tuo la vuole, posso vendergli la mia Ferrari F40, però per meno di un milione e tre non la vendo. Se è appassionato di macchine, se deve comprare io ce l'ho. Ho una RS3 Porsche del 1990, trecentomila euro e gliela do. Ho anche una F12, una Ferrari F12 targata F12, immatricolata il dodici, dodici, duemila dodici, per chi è collezionista è una cosa". 

Uno degli indagati, secondo gli inquirenti, proprio su questo punto è chiaro nel descrivere la percezione e, soprattutto, la caratura criminale di Moccia: "Tu forse non hai capito chi è Angelo Moccia. Per farti rendere conto: Totò Riina, l'hanno giudicato 116 magistrati, Angelo Moccia 160 (…) questi hanno più soldi di tutta Italia, e hanno un potere che non è economico, né mafioso, né camorristico, è proprio un potere (intende nel senso più puro del termine)". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

F.V., fidato di Angelo Moccia, nel corso di una conversazione del 2 maggio 2018 parlando con uno degli indagati racconta che i Moccia avevano fatto un investimento in Ferrari, che tenevano a Montecarlo. "Loro c'hanno le macchine, le Ferrari… Capito chi? Questo (si riferisce ad Angelo Moccia) c'ha 33 Ferrari a Montecarlo".   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento