In auto da Salone ad Ancona per compiere furti in casa, fermati due 17enni

Scoperti dai carabinieri ad Osimo i due minorenni hanno tentato una fuga a bordo della vettura con la quale erano arrivati nel Comune marchigiano dalla Capitale

Gli attrezzi da scasso trovati nella disponibilità dei due 17enni

Sono partiti dalla baraccopoli istituzionale di via di Salone ed a bordo di un'auto sono arrivati sino nelle Marche per compiere un furto in appartamento a casa di un anziano. Un tentativo andato a vuoto da parte di due 17enni, entrambi di origine croata, messi in fuga da un vicino dell'abitazione presa di mira e poi fermati dai carabinieri dopo un tentativo di dileguarsi a bordo di una Nissan Micra.

I FATTI - I fatti hanno preso corpo nel pomeriggio di domenica 2 aprile ad Osimo, Comune della provincia di Ancona, dove i carabinieri della locale stazione hanno svolto un massiccio intervento di controllo preventivo e di contrasto nei confronti di mezzi e persone sospette e sconosciuti, per l’individuazione e repressione dei furti in abitazione. Proprio in questo ambito i militari della compagnia marchigiana hanno scoperto e denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona per il reato di: “Furto aggravato in abitazione in concorso" e "Possesso ingiustificato di chiave alterate e di strumenti da scasso e grimaldelli" i due minorenni residenti nella favela della periferia est della Capitale. 

FURTO IN CASA DI UN ANZIANO - In particolare i due ladri d'appartamento, segnalati da alcuni cittadini al 112, vistisi scoperti e braccati dai carabinieri, si sono dati ad una precipitosa fuga, dando inizio ad un lungo e pericoloso inseguimento automobilistico per le strade di Osimo e Castelfidardo (altro Comune marchigiano). Un tentativo senza successo con i due raggiunti, bloccati e immobilizzati da una cinturazione a tenaglia organizzata dai carabinieri. Dalle immediate indagini di Polizia giudiziaria è emerso che i due 17enni, si erano resi responsabili del furto aggravato tentato nella mattinata di ieri presso l’abitazione di un anziano 84enne osimano residente in via De Gasperi, da cui però erano dovuti scappare perché scoperti da una vicina di casa che ha dato l’allarme chiamando i carabinieri sul 112. 

IN FUGA SU UNA MICRA - Nel dettaglio i due giovanissimi, entrambi pluripregiudicati, mentre si allontanavano da Osimo a bordo dell’autovettura Nissan Micra condotta da uno dei due 17enni, sono stati avvistati dalla pattuglia della Stazione di Osimo, che si è posta immediatamente al loro inseguimento, informando tempestivamente la Centrale Operativa sul percorso di fuga e consentendone il controllo e l’accerchiamento ad opera dei militari della Stazione di Castelfidardo e del radiomobile in turno perlustrativo. 

ATTREZZI DA SCASSO - Una volta bloccati, i due minori sono stati sottoposti a perquisizione locale e trovati in possesso di 4 cacciaviti ed un paio di forbici, occultati nell’abitacolo dell’autovettura, verosimilmente utilizzati per forzare i serramenti e tentare d’introdursi nell’abitazione dell'84enne preso di mira. Gli strumenti da scasso sono stati debitamente sequestrati, mentre il veicolo e i due minorenni sono stati condotti presso la Compagnia di Osimo per ulteriori accertamenti. 

NUMEROSI PRECEDENTI - Sottoposti a fotosegnalamento e rilievi dattiloscopici in caserma, i due sono risultati avere a loro carico innumerevoli precedenti penali per furti in abitazione e svariati alias per confondere le forze di polizia sulla loro esatta identità. Gli stessi sono fortemente sospettati di essere gli autori di alcuni furti consumati nel mese di marzo appena trascorso tra Osimo e Castelfidardo, trattandosi di due individui di cui uno robusto e l’altro piccolo ed esile, ovvero l’arrampicatore dei balconi e di grondaie.   

MULTA E DENUNCIA - Pertanto i militari hanno proceduto alle contestazioni amministrative per "Guida senza patente perché mai conseguita per limiti di età", con contravvenzioni per un importo complessivo di 4.000 euro ed hanno sottoposto il veicolo a fermo amministrativo, affidato in custodia giudiziale a ditta convenzionata. I due sono inoltre stati denunciati a piede libero. 

TRENO PER ROMA - Di conseguenza, su richiesta dei due soggetti, i carabinieri hanno provveduto ad accompagnarli alla Stazione ferroviaria di Ancona, messi sul primo treno per Roma ed invitati a non fare più ritorno ad Osimo. Infine, sul conto degli stessi è scattata anche la proposta per la misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio per anni 3 dai comuni di Osimo e Castelfidardo, inoltrata dai carabinieri alla Questura di Ancona. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • La montagna vicino Roma: 5 escursioni a due passi dalla Città eterna

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Saldi, a Roma e nel Lazio si parte un mese prima: lo shopping natalizio sarà all'insegna degli sconti

Torna su
RomaToday è in caricamento