Gelosie professionali a La Sapienza: minacciata una giovane ricercatrice

Al 38enne è stato intimato l'obbligo di dimora nel suo paese in provincia di Bari. Aggrediti i poliziotti intervenuti dopo la telefonata al 113 della vittima. Nella tasche dell'uomo trovati dei chiodi che aveva utilizzato per danneggiare l'auto della donna

L'università La Sapienza

Delle probabili gelosie professionali. Questa la causa scatentante di una vicenda conclusasi ieri con l’intervento della Polizia all’interno dell'università La Sapienza. In manette, arrestato per il "reato di resistenza" e "Violenza a Pubblico Ufficiale" dagli agenti del Commissariato Università, un 38enne di origini baresi. L'uomo da tempo molestava una giovane ricercatrice. A suo dire la donna con il suo atteggiamento, insieme ad altri colleghi, era la causa dei suoi problemi con la facoltà in cui lui si era precedentemente laureato.

ENNESIMA MINACCIA - Ieri 24 gennaio l’uomo, peraltro già precedentemente querelato dalla vittima, dopo l’ennesima minaccia, la stava aspettando con aria minacciosa nell’area parcheggi. Lei spaventata, e in forte stato d’agitazione, si è rivolta ai poliziotti. Gli agenti, coordinati dal dottor Mario Spaziani, hanno immediatamente effettuato un servizio di osservazione. Infatti poco dopo, proprio mentre la donna si è avvicinata alla sua auto, l’uomo le si è velocemente fatto avanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AGGRESSIONE AI POLIZIOTTI - Raggiunto, gli è stato chiesto il motivo del suo atteggiamento; per tutta risposta ha colpito un agente scagliandogli contro un ombrello; dopo una breve colluttazione è stato però bloccato. Perquisito, è stato trovato in possesso alcuni chiodi, che, per sua stessa ammissione, aveva già in precedenza utilizzato per danneggiare l’autovettura della ragazza. Oltre all’arresto, il 38enne è stato anche intimato l’obbligo di dimora nel suo paese di residenza, in provincia di Bari, e il contestuale divieto di avvicinamento alla vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • La marcia 'nera' su Roma, l'ultra destra sfida il coprifuoco. La Questura: "Nessun preavviso per il corteo"

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento