rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Acilia / Via Pietro Benedetti

Acilia: minaccia il padre chiedendo l'anticipo dell'eredità

E' accaduto in un appartamento di via Pietro Benedetti dove il 32enne ha provato a farsi dare dal genitore 150mila euro come promesso

Una eredità in anticipo. Questo quanto pretendeva dal padre un 32enne di Acilia arrestato dai carabinieri della Stazione di Vitinia con l’accusa di "tentata estorsione" ai danni del genitore 62enne. Qualche tempo fa, il genitore, ex imprenditore edile del luogo e padre di 5 figli, gli aveva promesso una cospicua somma di danaro che gli avrebbe lasciato in eredità, alla sua morte.

ANTICIPO DELL'EREDITA' - Ieri mattina (24 gennaio) il figlio, disoccupato e con qualche piccolo precedente alle spalle, si è presentato nella sua abitazione, un appartamento ubicato in via Pietro Benedetti di Acilia e, minacciandolo di morte, ha preteso la somma di 150mila euro quale anticipo della promessa eredità. Vani sono stati i tentativi di indurlo alla calma in quanto il giovane, in preda all’ira, gli ha lanciato contro, senza colpirlo, un grosso posacenere di vetro.

TENTATA ESTORSIONE - L’anziano è riuscito a chiamare il 112. Sul posto è intervenuta una pattuglia dei carabinieri di Vitinia che ha bloccato e arrestato il giovane con l’accusa di tentata estorsione, mentre tentava di allontanarsi dall’abitazione a gambe levate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acilia: minaccia il padre chiedendo l'anticipo dell'eredità

RomaToday è in caricamento