menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Minacciata dal marito davanti ai figli scappa a casa dei genitori. L’uomo non si rassegna e continua a perseguitarla

L’uomo, un 50enne, è stato fermato dalla polizia sotto casa del padre e della madre della vittima

Ha continuato a perseguitarla a casa dei genitori dove si era rifugiata per scappare alle minacce del marito. È finito in carcere con l’accusa di maltrattamenti in famiglia un 50enne fermato dalla Polizia di Stato la notte scorsa mentre si allontanava dalla casa del suocero al Prenestino dove, da alcuni giorni, si era rifugiata la moglie con i figli. 

La vicenda è iniziata alla fine del mese scorso quando l’uomo, per motivi ancora da definire, ha iniziato ad insultare la moglie anche davanti ai figli; la donna, impaurita da tale atteggiamento e per proteggere i figli, è andata ad abitare con loro nella casa dei genitori. L’escamotage non è servito: il 50enne più volte, anche in piena notte, si è presentato sotto la nuova abitazione urlando minacce ed insulti. Nei giorni scorsi l’uomo ha cercato un contatto anche sul posto di lavoro della moglie.

La donna si è rivolta agli investigatori del V Distretto Prenestino, diretto da Roberto Arneodo, e sono stati gli stessi poliziotti che, sentito “via radio” la nota riguardante un intervento proprio nella via dove si era rifugiata la vittima, si sono precipitati riuscendo così a bloccare l’uomo mentre si stava allontanando.

Gli investigatori hanno poi ricostruito l’ultimo episodio: verso le undici di sera, subito dopo aver ricevuto un messaggio vocale dal marito con il quale annunciava il suo arrivo per “parlare”, la donna ha sentito dei violenti colpi alla porta di casa, si è accorta che il 50enne saliva e scendeva freneticamente le scale condominiali per poi mettersi sotto il balcone ad urlare.

I poliziotti, oltre ad aver proceduto all’arresto per maltrattamenti in famiglia, hanno anche sanzionato l’uomo per le violazioni alle vigenti normative anti-Covid e lo hanno segnalato alla competente autorità prefettizia perché trovato in possesso di una dose di cocaina.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    "Fa er provola", perché si dice così?

  • De Magna e beve

    12 "vizi" artigianali: nuovo regno del tiramisù apre a Roma

  • De Magna e beve

    Dove mangiare i 5 supplì più buoni di Roma, rigorosamente "al telefono"

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento