Prati: pentole e orologi per 100mila euro destinati al mercato clandestino

La merce intercettata dalla Polizia Locale prima di uno scambio davanti alla sede della Procura a piazzale Clodio. I 'falsi' gestiti da un'organizzazione che forniva alcuni banchi ai 'bancarellari' abusivi di via Andrea Doria

I coltelli contraffatti sequestrati a piazzale Clodio

Gestivano un mercato parallelo di merce contraffata destinata a finire sulle bancarelle dei venditori abusivi. A gestire il traffico un’organizzazione di nomadi che riforniva vari mercati clandestini di merce falsamente griffata. Il sodalizio criminale   è stato scoperta dalla Polizia Locale Roma Capitale. Le indagini, condotte dagli agenti del XVII Gruppo e dal Gruppo Sicurezza Pubblica ed Emergenziale, hanno fatto intercettare un carico di merci contraffatte dal valore complessivo di oltre centomila euro.

CARICO INTERCETTATO - Seguendo un furgone già identificato dagli investigatori per essere uno di quelli che riforniva i venditori abusivi del mercato clandestino di via Andrea Doria, si è arrivati a sorprendere un nucleo familiare di nomadi, di nazionalità romena, mentre pianificava la vendita.  

APPUNTAMENTO DAVANTI LA PROCURA - L’appuntamento era stato fissato nelle ore serali nel parcheggio di piazzale Clodio proprio quello davanti alla Procura. All’appuntamento si sono presentati anche gli agenti della municipale che hanno fermato tre furgoni iniziando a fare i controlli sulle merci.

PENTOLE, COLTELLI E OROLOGI - Sono state sequestrate oltre trenta batterie di pentole di una nota marca svizzera dal prezzo di mille e seicento euro cadauna, centinaia di set di coltelli custoditi in astucci extralusso del valore di circa quattrocento euro l’uno e settanta orologi svizzeri griffati.

SENZA FATTURA - I sospetti della frode sono diventati certezze quando i vigili hanno appurato la mancanza di fatture, fatto insolito per un valore commerciale così ingente. Inoltre i certificati di garanzia erano palesemente falsi con il numero identificativo di ogni singolo set e di ogni orologio che era sempre lo stesso. Si è anche scoperto che le otto persone fermate, tra i venticinque e i sessant’anni, nemmeno un mese fa erano state denunciate dalla Polizia di Frontiera. Anche in quel caso gli era stato sequestrato un “prezioso” carico di profumi griffati e scarpe firmate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coronavirus, a Roma 342 nuovi casi. L'allarme di D'Amato: "Siamo a livello arancione". I dati Asl del 16 ottobre

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Coronavirus, a Roma 462 casi: sono 939 in totale nella regione. C'è un nuovo focolaio nel Lazio

  • A Roma la stretta anti Covid, Raggi chiede più controlli: nel week end task in campo tra movida e periferie

  • Coronavirus, a Roma 494 casi. Nel Lazio 994 nuovi contagi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento