rotate-mobile
Cronaca Esquilino / Via Giovanni Giolitti

Termini: sfrutta la sorella 13enne per chiedere l'elemosina

I controlli da parte dei Carabinieri. Ventiquattro le persone segnalate per inosservanza del foglio di via obbligatorio, molestie, impiego di minori nell'accattonaggio, resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità

Non si conoscevano ma operavano tutte all'interno della stazione Termini. Si tratta di 24 persone fermate dai Carabinieri del Nucleo Scalo Termini all'interno della scalo ferroviario romano. Per loro è scattata la denuncia a piede libero.

LE ACCUSE - Le accuse sono diverse: inosservanza del foglio di via obbligatorio, molestie, impiego di minori nell’accattonaggio, resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità.

I DENUNCIATI - A finire nel mirino dei militari sono stati 21 stranieri e 3 italiani. Tutti di età compresa tra i 18 e i 56 anni. La prima denuncia se l'è guadagnata proprio una 18enne romena. Questa domiciliata ad Aprilia (in provincia di Latina) è stata sorpresa mentre si serviva della sorella di 13 anni per chiedere l'elemosina.

FOGLIO DI VIA OBBLIGATORIO - Nove persone sono poi state denunciate perchè si aggiravano per lo Scalo. Dovevano invece rimanervi lontani perchè colpiti da un foglio di via obbligatorio. Altri 13 denunciati sono stati invece fermati nei pressi della biglietterie automatiche situate nella Stazione. Qui infastidivano turisti, ragazze, anziani e tutti i passeggeri che si apprestavano a comprare un biglietto per il viaggio. Per loro l'accusa è di molestie.

MENDICANTE - Ultima a prendersi una denuncia una 21enne. Chiedeva l'elemosina insistentemente e quando i Carabinieri l'hanno fermata si è rifiutata di fornire le proprie generalità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Termini: sfrutta la sorella 13enne per chiedere l'elemosina

RomaToday è in caricamento