Medhi Dehnavi, il marmista iraniano che ha sfidato il clan dei Casamonica

L'uomo, un iraniano artigiano del marmo, conosce i Casamonica per dei lavori che gli vengono commissionati. Loro non pagano, lui denuncia tutto. Anche le tremende aggressioni subite

E' un signore iraniano. Per lavoro, è un artigiano del marmo. E molto probabilmente avrebbe preferito restare tale, niente di più. Invece, Mehdi Dehnavi è diventato un 'eroe': l'unico ad avere avuto il coraggio di sfidare il clan dei Casamonica, i 'padroni' di Roma Sud.  Droga, usura ed estorsioni. Tutto fa parte del business della cosca di famiglia. E Mehdi l'ha provato sulla propria pelle. 

I LAVORI -  Gli commissionano dei lavori di pregio nella villa di Guido Casamonica, come racconta lui stesso a Paolo Mondani di Report. Finiti i lavori, però, cominciano i primi problemi. Nessuno ha intenzione di pagare Medhi, che racconta: "Ti ordinano un lavoro, una porta, non lo so, un tavolo di marmo, qualsiasi cosa. E se non ti pagano cos'è? È pizzo". I guai per l'iraniano, però, sono solo all'inizio. Dopo poco, infatti, 'qualcuno' si presenta nel suo ufficio e lo aggredisce: "Hanno preso due, tre pezzi di marmo. Il primo me l'hanno dato proprio qui, mi hanno spaccato la testa. Poi sono arrivati tutti gli zingari: cinquanta, sessanta con donne, bambini, diverse macchine". Medhi viene intimorito e minacciato: "mi dicevano sei morto, sei finito, bruciamo tutto, uccidiamo i tuoi". 

LA DENUNCIA E IL PROCESSO - Ed è qui che Medhi trova il coraggio e la forza di non abbassare la testa. Denuncia tutto, non ha paura. Così, comincia un processo che, nel 2011 in primo grado, ha già condannato Guido Casamonica a cinque anni e sei mesi per l'accaduto. Casamonica, però, si difende. "Non è assolutamente vero, quella 'marmata' non c'è mai stata". Anzi, "è stato lui, Medhi, a prendermi a sassate mentre ero con mia moglie e i miei figli". Il processo, poi, non lo intimorisce più di tanto. "Io rispetto il lavoro che fanno i giudici - dice sereno Casamonica - ma ora c'è l'appello". E la speranza è che i giudici dimentichino il suo cognome: "Sono stato condannato per il cognome che porto, ma io non faccio parte del clan dei Casamonica, nè tanto meno so se esiste una cosca".  

LA NUOVA AGGRESSIONE - Medhi, però, è di avviso diverso e racconta, mostrando ancora i segni, di una seconda aggressione subita dopo la prima denuncia. "Guido Casamonica mi ha dato una 'capocciata' che mi ha rotto il naso - ricorda l'iraniano - poi hanno cominciato a picchiarmi con pezzi di legno e ferro. Erano in cinque sei persone a 'menarmi', ma io sono comunque riuscito a fuggire. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IL MANCATO AIUTO - Ed è qui che succede la cosa che, forse, fa più male a Medhi. "Dopo essere fuggito, ovunque andassi a bussare nessuno mi apriva - racconta dispiaciuto - Ero ancora pieno di sangue, ma qui hanno tutti paura". Lui, però, ancora una volta si fa coraggio. E denuncia tutto: "Mi hanno dato una prognosi di ventitre giorni e appena sono uscito sono andato dai carabinieri". I Casamonica non la prendono bene: "Sono venuti di nuovo qui e mi hanno puntato la pistola, 'se non ritiri la denuncia, sei un uomo morto". Quella denuncia, però, è ancora lì. E Medhi continua la sua battaglia da 'eroe normale'. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intervengono per sgomberare un appartamento abitato da un'anziana e trovano deposito d'armi

  • Temporale Roma, bomba d'acqua e gradinata sulla zona est della Capitale

  • Coronavirus, a Roma 11 casi. In totale nel Lazio 14 nuovi contagi. I dati delle Asl

  • Sciopero a Roma: venerdì 10 luglio a rischio metro e bus, gli orari e le fasce di garanzie

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

Torna su
RomaToday è in caricamento