Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca

Regione e Policlinico Tor Vergata scaricano Medicina solidale: a rischio gli ambulatori per gli indigenti

Associazione costretta a sospendere presenza in punti accoglienza di Tor Bella Monaca, piazza Caduti della Montagnola, Tormarancia e colonnato di San Pietro

Il servizio gratuito di assistenza sanitaria agli indigenti che da oltre 15 anni viene offerto dalla onlus Medicina Solidale rischia di dover essere sospeso. E’ l’allarme lanciato dall’associazione attraverso un comunicato in cui si criticano duramente le scelte della Regione Lazio e del Policlinico di Tor Vergata. A rischio chiusura 6 ambulatori, tra i quali quelli di Tor Bella Monaca, piazza Caduti della Montagnola, Tormarancia e del colonnato di San Pietro.

Il servizio non sarà riconosciuto da Regione e Policlinico Tor Vergata

Secondo quanto denunciato dall'assocazione "stando ai contatti in essere, sia la Regione Lazio, che il Policlinico di Tor Vergata (PTV) per motivi ancora poco comprensibili e comunque non giustificati socialmente ed umanitariamente, non riconosceranno nel nuovo Atto Aziendale del Policlino e nel Protocollo di Intesa Ateneo-Regione 2017 di prossima emanazione, questo servizio alla persona fragile (donne, bambini e migranti soprattutto)".

L'atto data 2004

Il Servizio di Medicina Solidale era stato attivato nel  2004 dalla Regione Lazio ed inserito subito dopo con apposito atto convenzionale nell' Atto Aziendale del PTV con apposito capitolo di finanziamento regionale. Tale rapporto giuridico ed economico inspiegabilmente qualche anno fa è stato interrotto unilateralmente dal Policlinico nella inerzia più assoluta della Regione Lazio e senza alcuna motivazione seria e plausibile.

Secondo i Vicepresidenti di Istituto di Medicina Solidale Onlus nonché medici e ricercatori di Tor Vergata dott. Francesco Russo e dottoressa Lucia Ercoli "non è dato tuttavia sapere se il finanziamento regionale sia stato anche interrotto o è proseguito nel tempo senza che Medicna Solidale ne abbia tratto giovamento, nè sono dati conoscere tanto meno le motivazioni alla base delle pervicaci ed ostinate chiusure ad ogni dialogo e collaborazione del PTV e della Regione Lazio di oggi".

La speranza di un ripensamento di Regione e Policlinico Tor Vergata

C'è comunque la speranza "in un seppur tardivo ripensamento in tal senso della Regione Lazio e del Policlinico in questo senso ed in un reinserimento del servizio di Medicina Solidale nell'emenando a breve Atto Aziendale del Policlinico Tor Vergata".

"Abbiamo chiesto anche in questa ottica – conclude il dottor Francesco Russo – un autorevole ed urgente intervento del Rettore dell' Ateneo di Tor Vergata Novelli, da sempre molto sensibile a questi temi umanitari anche nel contesto della Terza Missione Universitaria di Tor Vergata".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione e Policlinico Tor Vergata scaricano Medicina solidale: a rischio gli ambulatori per gli indigenti

RomaToday è in caricamento