Mausoleo Affile: il sindaco Viri indagato per apologia di fascismo

La procura di Tivoli ha iscritto nel registro degli indagati Viri e i due assessori, Frosoni e Peperoni. Sindaco incredulo: "Se io sono fascista, il Papa è ateo". Accuse a Zingaretti: "E' uno stalinista"

Tivoli: il Tribunale

Prima lo stop ordinato da Zingaretti, poi l'atto vandalico di questa notte. E, "dulcis in fundo", l'iscrizione nel registro degli indagati di Ercole Viri, sindaco di Affile, e due assessori comunali. Non accennano a placarsi le polemiche per il mausoleo dedicato a Rodolfo Graziani, ministro della Repubblica di Salò. Mausoleo per cui, Virri e i due assessori, Giampiero Frosoni e Lorenzo Peperoni, sono finiti nel mirino del procuratore di Tivoli, Luigi De Ficchy. L'accusa per i tre è di apologia di fascismo. E sembra restino forti dubbi anche sulle procedure per l'utilizzo dei fondi comunali per la costruzione del mausoleo. 

LA REPLICA DI VIRI - Sorpreso e incredulo il sindaco di Affile, Viri: "E' assurdo. Se io sono un fascista, il Papa è un ateo. Accusarmi di apologia di fascismo è davvero un assurdo". Rodolfo Graziani non significa per forza di cose fascismo. "Il mausoleo è un omaggio agli affiliani, tra cui Graziani che è stato un grande soldato ed era già colonnello prima dell'avvento del fascismo". Quindi, fuori luogo le critiche perchè "noi onoriamo un nostro concittadino, noi non siamo fascisti". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

SCONTRO CON ZINGARETTI - Zingaretti, due giorni fa, aveva bloccato i fondi destinati al Comune di Affile, spiegando che il finanziamento era stato concesso "per il completamento del Parco Rodimonte e per la realizzazione di un monumento al milite ignoto. Il Comune ha poi impropriamente deciso - aveva spiegato Zingaretti - di dedicarlo a Rodolfo Graziani". Le motivazioni del presidente della Regione Lazio non trovano assolutamente d'accordo Viri: "E' un abuso di ufficio. Noi abbiamo seguito il progetto - ha attaccato il primo cittadino - Lui se deve demolire qualcosa, allora inizi dalla sua ideologia stalinista. Noi andiamo avanti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Roma, tamponi rapidi a 22 euro: l'elenco dei laboratori privati dove farlo

  • Paura a Gregorio VII, a fuoco un autobus: esplosioni e colonna di fumo nero sulla zona

  • Drive in dove fare i tamponi a Roma: gli indirizzi. L'elenco completo

  • Coprifuoco a Roma e nel Lazio, ecco l'ordinanza: autocertificazione per spostamenti da mezzanotte alle 5

  • Coronavirus, Lazio verso il coprifuoco e didattica a distanza parziale per le superiori. In arrivo un'ordinanza con i provvedimenti

  • Roma, la mappa del contagio di ottobre: 47 quartieri con più di cento casi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento