Cronaca Viale Traiano

Da Ostia ad Anzio, 'Mare sicuro': controlli su abusi e inquinamento

In azione otto motovedette, sette unità minori, 80 uomini impiegati a terra e pattugliamenti giornalieri in mare. L'anno scorso salvate 3444 persone

Pattugliamenti giornalieri in mare, controlli serrati antiabusivismo e verifiche ambientali anche con laboratori mobili. Sono alcuni dei punti cardine dell'operazione Mare Sicuro 2015 della Guardia Costiera, presentati questa mattina nella Capitaneria di Porto di Fiumicino, che interesserà la zona tra Fiumicino ed Anzio, passando per Ostia e Castel Porziano. 

MAGGIORE SFORZO - "Ci sarà ancor un maggior sforzo per l'estate - ha detto il Comandante della Capitaneria di porto di Roma, Lorenzo Savarese - per prevenire incidenti in mare e turbative sui litorali di Roma e di Anzio, che ogni fine settimana attirano centinaia di migliaia di persone. E la guardia sarà alta, d'intesa con la Procura di Roma e con operazioni congiunte che saranno al via a breve, sul fronte delle attività illecite (parcheggi selvaggi, abusivi, accampamenti sulle dune ndr), dell'abusivismo demaniale e sugli assetti o varianti delle attività in zone che hanno registrato criticità come Castel Porziano, Capocotta, Cancelli e Ostia". Non solo nel X Municipio ma anche Pomezia e Anzio saranno sorvegliate costantemente. 

I VARCHI AL MARE DI OSTIA - "Su Ostia ci sentiamo partecipi. Le indagini nostre partirono 3 anni fa sull'abusivismo demaniale, grazie anche a nostre segnalazioni - sottolinea il Comandante Savarese -. Teniamo la guardia alta. 'Mare sicuro' sarà impegnato anche sul tema dei varchi al mare. La situazione è una novità per questa estate, è positiva ma va migliorata e consentito l'accesso anche ai disabili. La norma prevede l'abbattimento barriere architettoniche e su questo tema alcuni sono ancora indietro. Va detto però che al momento non abbiamo riscontrato problemi e tutti gli stabilimenti garantiscono l'accesso libero gratuito". 

DECORO E INQUINAMENTO - Le attività di controllo riguarderanno anche il rispetto delle postazioni di salvamento, il decoro, i depuratori, il rispetto della flora e fauna nella area marina protetta delle Secche di Tor Paterno, il diving, con tolleranza zero per i comportamenti non consentiti in mare nelle zone riservate ai bagnanti. Raccomandazioni arrivano per una balneazione sicura e per la costa di Fiumicino e Fregene Savarese ha lanciato un appello alla professionalità dei gestori balneari affinchè "tengano d'occhio la clientela di notte e che le feste in spiaggia non degenerino. Lavorermo anche con l'Arpa per contrastare l'inquinamento". 

BOLLINO BLU - Si rinnova inoltre la campagna Bollino Blu per i diportisti mentre, ed è importante, il numero Blu 1530 per le emergenze in mare, anche se digitato da cellulare, metterà in contatto diretto il diportista con la Capitaneria il cui territorio ricade la cella aggancita, consentendo una riduzione dei tempi d'intervento.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Ostia ad Anzio, 'Mare sicuro': controlli su abusi e inquinamento

RomaToday è in caricamento