Cronaca Fiumicino

Mare Sicuro 2018: il bilancio della Guardia Costiera, da giugno a settembre oltre 20mila controlli

Oltre 900 le sanzioni comminate. I controlli su 368 chilometri di costa, isole pontine comprese

Tempo di bilanci per la Capitaneria di Porto di Fiumicino. Si è tenuta mercoledì 3 ottobre la conferenza stampa di chiusura dell’operazione “Mare Sicuro 2018” della Direzione Marittima del Lazio. Com’è noto, nel periodo estivo, la Guardia Costiera è chiamata ad intensificare il suo impegno operativo a favore degli utenti ed appassionati del mare, garantendo, attraverso una capillare presenza, sicurezza, legalità e la serena fruizione del mare e delle attività ad esso legate. Lungo tutto il territorio laziale il Corpo è stato infatti impegnato con i propri uomini e mezzi nella predetta operazione complessa, ormai divenuta cardine dell’attività operativa estiva del Guardia Costiera, mirata alla salvaguardia della vita umana in mare, la sicurezza della navigazione e la tutela dell’ambiente marino e costiero. 

Mare Sicuro 2018 

I risultati finali dell’operazione sono stati presentati e condivisi dal Direttore Marittimo del Lazio C.V. (CP) Vincenzo Leone e dai Comandanti dei dipendenti Compartimenti Marittimi di Fiumicino e Gaeta, rispettivamente C.V. (CP) Filippo Maria Marini e C.F. (CP) Andrea Vaiardi.

Oltre 20mila controlli da giugno a settembre 

“Mare Sicuro 2018”, dal 16 giugno al 16 settembre scorso, ha registrato un totale di 20.588 controlli, 919 sanzioni amministrative e 32 notizie di reato, lungo l’intero tratto costiero laziale, incluse le isole Pontine, caratterizzato da una lunghezza di 368 Km e una superficie acquea di circa 20.000 chilometri quadrati.

I mezzi della Capitaneria di Porto 

Più di 250 militari e 42 mezzi navali afferenti a 3 Capitanerie di Porto, 3 Uffici Circondariali Marittimi e 14 Uffici Marittimi Minori hanno infatti contribuito a garantire la libera fruibilità, da parte di tutti i cittadini, degli arenili liberi e degli specchi acquei non in concessione, contrastando i fenomeni di abusiva occupazione del demanio marittimo.

Soccorsi in mare 

Risultati positivi anche nell’ambito del soccorso marittimo, registrando una notevole diminuzione delle persone soccorse e dei sinistri in mare, frutto di un percorso condiviso con Amministrazioni comunali, enti ed associazioni a vario titolo coinvolte, per garantire sicurezza, prima dell’inizio della stagione balneare, e diffondere la cultura del mare soprattutto tra i più giovani. 

Estate più sicura

Nell’ambito dei progetti per un’estate più sicura, si annoverano, a tal proposito, i piani di salvataggio collettivi approvati in via sperimentale,  per fornire all’utenza un servizio di salvataggio qualitativamente e complessivamente più efficace in termini di prevenzione, soccorso e sicurezza delle attività balneari, ottenendo così una maggiore copertura e coordinamento tra le postazioni di salvataggio.

Progettazione per la prossima estate

Il Direttore Marittimo del Lazio ha ribadito che sebbene l’operazione “Mare Sicuro” sia appena terminata, i lavori per la prossima estate cominceranno già da domani, in collaborazione con l’ANCI Lazio, i 24 Comuni costieri e la Regione. E’ infatti in corso di implementazione l’Ufficio di scopo – sportello regionale dedicato alle politiche ed attività legate al settore marittimo, per garantire maggiore efficienza e collaborazione interistituzionale a favore dell’utenza, con il contributo della Guardia Costiera. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare Sicuro 2018: il bilancio della Guardia Costiera, da giugno a settembre oltre 20mila controlli

RomaToday è in caricamento