Cronaca

Colpì giovane con casco: a processo per lesioni gravi

Il 14 dicembre durante la manifestazione colpì al volto con un casco un minorenne procurandogli lesioni al volto e rompendogli il naso. A maggio inizierà il processo per lesioni gravi

Manuel De Santis, il giovane che durante la manifestazione degli studenti del 14 febbraio scorso colpì al volto un minorenne con un casco rompendogli il naso e procurandogli altre lesioni sarà rinviato a giudizio per lesioni gravi.
Secondo quanto emerso dalle indagini del medico legale Cristiano C. in seguito alle ferite ha riportato gravi conseguenze per quanto riguarda le sue funzioni respiratorie. Durante gli accertamenti è emerso che il 14 dicembre De Santis aveva colpito anche un'altra persona che però non ha presentato denuncia e quindi per questo episodio non è perseguibile per mancanza di querela. Il processo, che comincerà il 3 maggio prossimo, con la formula del giudizio immediato, che consente di evitare l'udienza del gup, è stato ottenuto dal pm Luca Tescaroli.

Del ferimento del ragazzo si seppe il 20 dicembre quando sui giornali apparvero le immagini degli incidenti e quindi le fotografie del ragazzo colpito. In poco tempo sulla rete comparvero anche i video che ritraevano l'intera scena.
De Santis che è difeso dall'avvocato Tommaso Mancini si autodenunciò. Fu lasciato agli arresti domiciliari dal gip Marco Mancinetti che gli concesse però il permesso di recarsi al lavoro. Ora l'indagine si è conclusa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpì giovane con casco: a processo per lesioni gravi

RomaToday è in caricamento