Ostia Nuova, una mansarda blindata tra le case popolari per nascondere base di spaccio

In manette è finito un 29enne che, i Carabinieri di Ostia, stavano tenendo sotto controllo dallo scorso agosto. Decisivo nell'operazione il fiuto del cane antidroga Balboa

Ostia Nuova non è come Tor Bella Monaca. La piazza di spaccio è differente, così come il clima che si respira tra i residenti. Non è migliore o peggiore, è solo diverso. Ogni zona ha le sue "regole". Sul litorale alcuni pusher si nascondono tra i residenti. Qualcuno è incensurato o insospettabile, come il 29enne romano arrestato dai Carabinieri di Ostia in via Marino Fasan.

LE ZONA BLINDATE - Ormai anche nel lido ha preso però piede una tecnica collaudata, mutuata dalle più note piazze di spaccio romane e di altre città italiane, quella di situare agli ultimi piani di case popolari, possibilmente coperti da vedette, in strada o in cima ai palazzi, delle centrali di spaccio al dettaglio riparate da grate e porte blindate.

Una forma di tutela contro qualche cliente più pericoloso, ma soprattutto un ostacolo ulteriore, se chiuso in faccia agli operatori delle Forze dell'Ordine, così da avere il tempo di liberarsi delle sostanze.

LE INDAGINI - Il giovane romano 29enne, nonostante tutto, non ce l'ha fatta a farla franca. Il pusher era finito sotto la lente d'ingrandimento dei miliari dallo scorso agosto quando, il 12, aveva subito un controllo del genere, conclusosi in quella circostanza solo con una segnalazione amministrativa. I Carabinieri dell'Aliquota Operativa della Compagnia di Ostia hanno continuato le indagini e dopo un'attenta osservazione per studiarne i movimenti, sono riusciti a fermarne la frenetica attività di spaccio.

IL FIUTO DEL CANE BALBOA - Dopo aver chiuso la porta blindata e la grata in ferro, anche questa volta in faccia ai militari, e nonostante il tentativo di liberarsi dello stupefacente, il 29enne non aveva fatto i conti, questa volta, con le vedette dell'Arma appostate per strada, che lo hanno visto gettar via dal balcone vari involucri.

Ad aiutare i Carabinieri intervenuti ci ha pensato un'unità cinofila composta dal cane Balboa e dal suo conduttore. Il cane ha subito rintracciato lo stupefacente all'interno di un campo sportivo dismesso in via Fasan, sul quale si affacciava l'appartamento popolare con la mansarda blindata.

LA DROGA GETTATA - I militari, così, hanno rinvenuto dosi di 14 grammi cocaina, 6 grammi di hashish ed una dose di marijuana oltre a materiale da taglio e confezionamento, bilancini e la somma contante di 380 euro.

Il giovane è finito è manette e, all’esito dell’udienza di convalida, è stato rimesso in libertà, in assenza di ulteriori pregiudizi, in attesa delle ulteriori fasi del dibattimento. Il 29enne, insospettabile fino ad agosto, secondo una prima indagine non risulterebbe legato a bande o famiglie che comandano nelle zone di Ostia Nuova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento