menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

No mask e negazionisti a Roma, attese 2000 persone. Zingaretti: "Offendono le vittime del Covid"

Già confermate le presenze di Vittorio Sgarbi e del consigliere regionale del Lazio, ex M5s, da sempre vicino ai No Vax, Davide Barillari

Sono attese duemila persone per la manifestazione contro la "dittatura sanitaria" richiesta dal 'Popolo delle Mamme', ma alla spalle l'ombra nera di Forza Nuova tanto che il leader romano del movimento di ultra destra Giuliano Castellino alcuni giorni fa si era sbilanciato: "Crescono le adesioni alla manifestazione del 5 settembre. Saremo migliaia, migliaia di italiani decisi a battersi per le libertà".

L'appuntamento è alle 16 in piazza Bocca della Verità, per quella che è stata preannunciata alla Questura di Roma come una protesta di alcune mamme contro la "dittatura sanitaria" e che durerà fino alle 20.

Un vessillo dietro al quale hanno trovato posto diverse anime. Oltre Forza Nuova, infatti, in piazza ci saranno anche i No Vax e i negazionisti del Covid. Già confermate le presenze, tra gli altri, di Vittorio Sgarbi e del consigliere regionale del Lazio, ex M5s, da sempre vicino ai No Vax, Davide Barillari. La Questura a Roma sta preparando il dispositivo di sicurezza. Obiettivo evitare disordini anche se, al momento, non sono previsti cordoni speciali.

Di certo, in caso di occupazione della sede stradale di via dei Cerchi, via Santa Maria in Cosmedin e via Petroselli, saranno previste deviazioni o brevi stop potranno interessare le linee 30, 44, 81, 83, 118, 160, 170, 628, 715, 716, 781. 

Assolutamente contro la manifestazione sono i massimi esponenti della Regione Lazio. Il Governatore Nicola Zingaretti è stato categorico: "E' una manifestazione innanzitutto le vittime del virus, e le centinaia di migliaia di donne e uomini, infermieri, personale sanitario che in questi mesi hanno dato tutto per aiutare l'Italia a rimettersi in piedi. Quindi, proprio nel momento in cui spingiamo per la ripresa della vita in piena sicurezza e per creare lavoro e tornare alla normalità - ha concluso - non posso che denunciare l'irresponsabilità e la follia di chi lavora contro l'Italia e contro la possibilità di rimetterci in piedi".

A fargli da eco anche l'assessore alla sanità Alessio D'Amato: "La negazione del Covid è uno schiaffo in faccia ai nostri operatori sanitari, medici, infermieri e di chi in questi mesi ha sacrificato la vita sul campo". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • De Magna e beve

    La vera storia della carbonara: origini e curiosità

  • De Magna e beve

    Carbonara: 7 errori comuni da non fare mai

  • Attualità

    La bufala del vaccino su chiamata a Roma

  • Cultura

    La Roma di Stefania Orlando

Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento