Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Maltratta e abusa sessualmente della compagna davanti alla figlia neonata

A finire in manette un 28enne romano residente ai Castelli

Foto d'archivio

E' una storia di maltrattamenti e abusi sessuali in famiglia quella che arriva da Marino, ai Castelli Romani dove i carabinieri della Compagnia di Castel Gandolfo hanno messo fine alle violenze di un 28enne romano. 

I carabinieri della stazione di Santa Maria delle Mole, a seguito di una segnalazione per una lite in, sono riusciti a scoprire una situazione di disagio famigliare, subita dalla compagna coetanea dell’arrestato. La donna, invitata a presentarsi in caserma, ha raccontato l'intera vicenda. 

Le indagini, condotte serratamente dai militari, hanno consentito di ricostruire reiterati episodi di violenza fisica e psicologica consumate nei suoi confronti da parte del compagno a partire dall’estate 2020. Sin da quando la donna era in gravidanza, la stessa veniva percossa dal compagno con schiaffi al volto e percosse, provocandole trauma cranici sbattendole la testa al muro. In altre occasioni l’uomo, oltre a devastare l’appartamento danneggiando mobili e suppellettili, ha tentato di soffocarla con le mani alla gola, fino a farle mancare il respiro, minacciandola di morte se la stessa avesse presentato denuncia. 

Le investigazioni dei Carabinieri della Compagnia di Castel Gandolfo, coordinate dalla Procura della Repubblica di Velletri, hanno inoltre ricostruito un caso di violenza sessuale, quando la vittima è stata costretta a subire un rapporto davanti alla figlia neonata. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltratta e abusa sessualmente della compagna davanti alla figlia neonata

RomaToday è in caricamento