Domenica, 19 Settembre 2021
Cronaca Borgo / Borgo Vittorio

Falsi gadget di Papa Francesco: in un magazzino a San Pietro souvenir per 1,7 milioni

I finanzieri hanno sequestrato circa 340mila prodotti scoperti in un locale di Borgo Pio. Tre le persone denunciate

Immagine di repertorio

Era colmo di ogni “ben di Dio” (tra calamite, quadretti, adesivi, braccialetti, portachiavi raffiguranti Papa Francesco) il magazzino scoperto dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma nel rione Borgo Pio, pronto a rifornire la fitta rete di venditori ambulanti, che non si lasciano sfuggire, per i loro affari, la ghiotta occasione del “Giubileo Straordinario della Misericordia”.

I “Baschi Verdi” del Gruppo Pronto Impiego, in zona Porta Maggiore, dopo aver fermato per un controllo di routine un furgone, condotto da un soggetto cinese che trasportava alcuni colli della stessa merce, sono risaliti a ritroso nella filiera distributiva giungendo ad individuare il centro di smistamento in via Borgo Vittorio, un fatiscente deposito confinante con un negozio occultato grazie ad una porta “a scomparsa”, a pochi passi dal Colonnato di Piazza San Pietro.

Al suo interno erano stipati centinaia di scatoloni “made in China”, contenenti circa 340.000 souvenir, raffiguranti, a seconda dei casi, l’effige del Sommo Pontefice, gli Stemmi della Città del Vaticano e della Tiara Papale, in difetto di qualsivoglia autorizzazione e, quindi, in violazione alla normativa sul cosiddetto "diritto d’autore".

Impressionante il traffico di rivenditori, italiani e stranieri, attratti dai prezzi di vendita della merce, che avrebbe potuto fruttare ai "mercanti del tempio" proventi per non meno di 1,7 milioni di euro. Tre persone, tutte di nazionalità cinese, sono state denunciate all’Autorità
Giudiziaria per contraffazione, ricettazione e violazioni alla normativa sul "diritto d’autore".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falsi gadget di Papa Francesco: in un magazzino a San Pietro souvenir per 1,7 milioni

RomaToday è in caricamento