Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Mafia Ostia, condanne per 50 anni a componenti del clan Fasciani

I Pm: "Un'organizzazione criminale vicina a Cosa Nostra, che autorizzava omicidi, che obbligava la vittima a pagare il pizzo e non denunciare"

Altro duro colpo per la malavita di Ostia. I pm Ilaria Calò e Carlo Lasperanza hanno concluso la requisitoria nel processo bis sulla organizzazione "criminosa di tipo mafioso" sottolineando il ruolo svolto dagli imputati appartenenti al clan Fasciani "che hanno alternato violenza e investimenti".

Nel complesso i rappresentanti dell'accusa hanno chiesto oltre 50 anni di condanna per gli imputati. Nello specifico per il boss Carmine Fasciani i pm hanno sollecitato 10 anni di carcere (più 3 di libertà vigilata), 8 anni (più 3) per la moglie Silvia Franca Bartoli e 7 anni (più 3) per la figlia Azzurra. Da tre a sei anni, invece, le richieste per le nove "teste di legno" emerse nell'operazione Tramonto che ha portato a 16 arresti, nel marzo del 2014

La banda, secondo, i pm "autorizzava omicidi e gambizzazioni, si finanziava con le estorsioni e il narcotraffico". Inoltre induceva la vittima "a negare i soprusi e a non denunciare". L'accusa contesta anche "l'intestazione fittizia di beni con riferimento a stabilimenti balneari, chioschi-bar, esercizi di ristorazione, società, autovetture, concessionarie e immobili intestati a 'teste di legno', ma riconducibili ai Fasciani".

Secondo i pm Calò e Lasperanza "con una mano si facevano gli investimenti e con l'altra si sparava". Questo processo è un'appendice di quello, terminato il 30 gennaio scorso davanti a un'altra sezione del tribunale con 14 condanne per oltre 200 anni di carcere complessivi che hanno messo in ginocchio il clan Fasciani. 


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia Ostia, condanne per 50 anni a componenti del clan Fasciani

RomaToday è in caricamento