Mafia Capitale, da Renzi cento milioni di euro per salvare Eur Spa

Una delle società coinvolte nella maxi inchiesta romana, al cui vertice c'era Riccardo Mancini, arrestato insieme a Carminate & co., è stata salvata dal governo Renzi. Come? "Con i soldi pubblici". La denuncia dal blog di Grillo. Ecco la legge in questione

Addirittura una legge, o meglio, un "pezzo di legge" per salvare Eur Spa dalla bancarotta. Il tutto dopo una gestione che, negli anni, può dirsi quantomeno "sospetta". E' quanto denunciano dal blog di Beppe Grillo i senatori del Movimento 5 stelle che attaccano direttamente il premier Renzi che, "con il decreto 66 (quello dei famosi quanto inutili 80 euro) anticipò liquidità ad Eur S.p.A. per 100 milioni di euro, prelevandoli peraltro dal fondo per il pagamento dei debiti della P.A. verso le imprese. Il travaso di fondi pubblici fu giustificato con la necessità di pagare imprese e fornitori di Eur S.p.a".

M5S UNICA OPPOSIZIONE - Nel post del gruppo M5s del Senato si ricorda inoltre che "il M5s, in sede di discussione parlamentare, si oppose a questo finanziamento proponendo di pagare direttamente le piccole imprese creditrici e di sostituire i vertici della società Eur S.p.A. che avevano creato un enorme buco di bilancio". "Non bastasse questo - sottolineano i senatori - nella legge di Stabilità in discussione in questi giorni al Senato spuntano altri 110 milioni per il Comune di Roma negli anni 2015, 2016 e 2017".

EUR SPA - La società nata nel 2000 e attiva nella gestione e nello sviluppo immobiliare, al cui vertice c'era Riccardo Mancini, "il ciccione" come lo chiama in un'intercettazione Carminati, è in difficoltà, schiacciata dal peso dei fallimenti: la "nuvola" di Fuksas, il nuovo centro congressi voluto da Veltroni, ma anche altri progetti quantomeno discutibili come le ex Torri delle finanze, ridotte a un rudere dal flop firmato Renzo Piano, un hotel (la "lama") costruito e ancora oggi vuoto e un Gran Premio di Formula Uno rimasto solo un'intenzione nella mente di Gianni Alemanno. Poi, l'inchiesta: "Alcuni dirigenti ed ex dirigenti di Eur Spa" si legge nel post "sono indagati nel vespaio di Mafia Capitale”.

RENZI IN SOCCORSO - "È interessante ricordare che Matteo Renzi, con il decreto 66 (quello dei famosi quanto inutili 80 euro) anticipò liquidità ad Eur S.p.A. per 100 milioni di euro, prelevandoli peraltro dal fondo per il pagamento dei debiti della P.A. verso le imprese. Il travaso di fondi pubblici fu giustificato con la necessità di pagare imprese e fornitori di Eur S.p.A. (...) Il risultato è che grandi quantità di soldi pubblici sono stati messi a disposizione di personaggi come Carlo Pucci, dirigente di Eur, e Riccardo Mancini, ex presidente della società, entrambi arrestati per essere il primo “a libro paga” e il secondo “a disposizione” della “banda di Roma”".

LA LEGGE - Ed eccoci alla legge in questione. E' il decreto 66 del 24 aprile 2014, convertito in legge il 23 giugno 2014. Nel testo si legge come "la società EUR Spa può presentare al Ministero dell’economia e delle finanze (del quale è società controllata, ndr) ... un’istanza di accesso ad anticipazione di liquidità, nel limite massimo di 100 milioni di euro, finalizzata al pagamento di debiti commerciali certi, liquidi ed esigibili al 31 dicembre 2013". Basta questa data per capire come Renzi ha concesso a Eur una sorta di salvacondotto per i flop delle amministrazioni Veltroni prima e Alemanno poi. Il tutto, con il "certificato" di Riccardo Mancini, già sotto inchiesta per una presunta tangente da 700mila euro che la Breda-Menarini (gruppo Finmeccanica) ha versato per la fornitura di 45 filobus al Comune di Roma e oggi al centro dell'inchiesta "Mafia capitale". E' lui il "ciccione" di cui parla - troppo spesso - Carminati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento