rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Cronaca

Litiga con la figlia 16enne e l'abbandona sul raccordo

Denunciata un 40enne. A ritrovare l'adolescente nei pressi della galleria Appia gli agenti della polizia locale di Roma Capitale

Un litigio come tanti tra madre e figlia. L'adulta, 40 anni, al volante dell'auto. La giovanissima, 16 anni, al suo fianco. La discussione tra le due, nata per motivi futili, degenera. La madre inchioda e abbandona la ragazza in strada, sul grande raccordo anulare. La storia incredibile nel pomeriggio di oggi, 27 maggio. A diffonderla il sindacato di polizia locale Sulpl. 

Proprio i caschi bianchi del gruppo di sicurezza pubblica emergenziale (Spe), si sono accorti della disperazione della giovane che aveva iniziato a camminare nei pressi della galleria Appia. La 16enne è stata fatta salire a bordo dell'auto di servizio e portata in caserma a Ponte di Nona. Qui è stata tranquillizzata e rifocillata; quindi gli agenti hanno raccolto il suo racconto. Dietro la lite, secondo quanto si apprende, ci sarebbe stato un cattivo voto a scuola, un 5 in latino. Un'insufficienza inattesa che ha scatenato la discussione, degenerata poi nell'assurdo abbandono ai piedi della galleria Appia.

I vigili hanno successivamenete raggiunto la madre della 16enne, residente a Roma ovest. La donna è stata denunciata e dell'episodio è stato informato il tribunale per i minorenni di Roma. 

Così il Sulpl: "Ancora una volta sono i caschi bianchi, ormai forza e presenza prevalente nei territori metropolitani ad intervenire su fenomeni di sicurezza urbana e fragilità sociali di una Capitale sempre più problematica. Il governo non tardi a varare una legge di riforma della categoria che dovrá essere ben più coraggiosa di quella allo studio quanto all'amministrazione capitolina, aumenti gli sforzi per colmare il vuoto in organico di oltre 3000 unitá".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Litiga con la figlia 16enne e l'abbandona sul raccordo

RomaToday è in caricamento