menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maddalena Urbani trovata morta in casa, arrestato l'amico e sequestrato l'appartamento

L'uomo, un 64enne già ai domiciliari, è stato nuovamente arrestato. Si indaga per 'morte in conseguenza di altro reato'

Prima svolta nelle indagini in merito alla morte di Maddalena Urbani, figlia del medico-eroe dell'Oms vittima della Sars, Carlo Urbani, trovata senza vita sabato 27 marzo, in un appartamento in via Vibo Mariano, in zona Tomba di Nerone a Roma. Il padrone di casa, un 64enne siriano agli arresti domiciliari, dopo essere stato ascoltato dalla polizia, è stato arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. 

Gli investigatori della Squadra Mobile di Roma, a cui è passato il caso, nell'appartamento hanno infatti trovato in casa diverse tipologie di droghe. Bisognerà ora capire se Maddalena Urbani che, in quell'abitazione aveva perso i sensi dopo aver ingerito un cocktail di sostanze, lo abbia fatto perché costretta o meno. Per la ventunenne, secondo i primi riscontri, sarebbe stata fatale una overdose di eroina. 

Sarà comunque l'autopsia a determinare le esatte cause del decesso di Maddalena Urbani, e quali sostanze e in che quantità abbia preso. Così come è ancora da chiarire se sia stato il 64enne pusher siriano arrestato a fornirgliela. L'appartamento, nel frattempo, è stato messo sotto sequestro dalla Squadra Mobile, mentre si indaga per 'morte in conseguenza di altro reato'. Un atto dovuto per determinare altri elementi utili all'indagine. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento