menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Litiga con l'inquilina per l'affitto e poi la rapina dei soldi

A finire in manette una donna di 39 anni e un suo amico. I due, presentatisi in casa per chiarire alcuni problemi di convivenza, hanno poi prelevato un giubotto con 1000 euro dentro

Un chiarimento conclusosi con una vera e propria rapina, con tanto di minacce con un coltello. Motivi legati all’affitto ed allo stato dell’immobile, e vecchie ruggini, sono all’origine di una lite che si è poi  trasformata in rapina.

Protagonisti della vicenda, un uomo, 63enne romano, ed una sua amica, cittadina polacca 39enne, che nel tardo pomeriggio di ieri si sono recati dall’inquilina che occupa l’abitazione della sorella di quest’ultima per chiarire alcune questioni riguardanti l’affitto e alcuni vecchi dissapori. La conversazione, molto civile all’inizio, è andata però via via degenerando fino a trasformarsi in una vera e propria lite.

Quando l’inquilina ha ricevuto una telefonata, il 63enne approfittando della sua distrazione, ha aperto l’armadio della camera da letto ed ha prelevato un giubbotto in pelle nella cui tasca erano contenuti circa 1000 euro. La vittima si è accorta di quanto accaduto ed ha richiesto la restituzione di quanto di sua proprietà ma per tutta risposta ha ricevuto delle minacce.

Dopo aver prelevato dal lavello della cucina un grosso coltello ha minacciato l’inquilina e dopo averla spintonata, si è allontanata in compagnia del suo accompagnatore. La vittima ha avvisato il “113” e quando gli agenti del Commissariato Flaminio hanno raggiunto il luogo della segnalazione, ascoltata la sua versione hanno iniziato le ricerche dei due fuggitivi.

Poco più tardi, grazie all’intervento di un equipaggio del Reparto Volanti, gli agenti sono riusciti a rintracciare i due nelle loro rispettive abitazioni. Nell’abitazione che il 63enne divide con il proprio compagno, i poliziotti hanno trovato il coltello utilizzato per la rapina ed  il giubbotto della vittima. Il denaro contante era stato invece nascosto tra la rete ed i materasso di una camera da letto.  
Per i due, accompagnati negli uffici  di Polizia, è scattato l’arresto per rapina aggravata in concorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento