Lite per il pranzo all'Ikea: volano piatti, ferita una bambina di 11 anni

L'alterco fra due coppie di coniugi al punto ristoro della multinazionale svedese ad Anagnina. Necessario l'intervento dei carabinieri

Volano piatti all'Ikea ad Anagnina. A farne le spese una bambina di 11 anni, ferita alla caviglia da una scheggia. Gli attimi di ordinaria follia hanno preso corpo nel primo pomeriggio di domenica 12 gennaio, al punto ristoro del centro commerciale della nota catena svedese, in quel momento affollato di clienti.

A dare vita al diverbio una banale discussione per una fila. A litigare animatamente due coppie, una composta da una donna di Marino di 45 anni e dal marito, romano di 47 anni, e l'altra da un uomo originario di Pescara di 64 anni e la moglie, romana di 72 anni. Fra i quattro volano parole grosse con gli animi che si surriscaldando rapidamente. 

Interviene la sicurezza della multinazionale svedese del mobile fai da te e riesce a calmare gli animi. La lite riprende però alle casse quando la 45enne di Marino lancia un piatto contro la coppia rivale. L'oggetto manca però il bersagio e si infrange in terra nei pressi delle casse in quel momento piene di clienti di fila. 

Ad avere la peggio una bambina di 11 anni, che si trovava con i genitori in fila per pagare, ferita da un coccio del piatto alla caviglia. Medicata sul posto la minorenne, all'Ikea di Anagnina sono quindi intervenuti i Carabinieri della Tenenza di Ciampino che, dopo aver sedato definitivamente gli animi, hanno identificato gli autori della lite. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve a Roma in settimana? Cosa dicono le previsioni meteo

  • Roma e Lazio in zona arancione: l'annuncio dell'assessore D'Amato

  • Zona arancione, cosa si può fare e cosa no a Roma e nel Lazio dal 17 gennaio

  • Coronavirus, Roma e il Lazio verso la zona arancione: indice Rt e ricoveri oltre la soglia. Cosa cambia

  • Sabato zona gialla a Roma e nel Lazio: il 16 gennaio giornata limbo prima della stretta

  • Coronavirus, a Roma e nel Lazio la situazione sta peggiorando: "Si è perso il controllo dei contagi, vi spiego perché"

Torna su
RomaToday è in caricamento