Colombo a 30 e 50 km/h: per i nuovi limiti si attende la segnaletica

Non ci sono i fondi per l'intervento di manutenzione straordinaria. Diramate le ordinanze. Per rendere operativi i nuovi limiti si attende solo il posizionamento della segnalatica

I nuovi limiti di velocità sulla Colombo saranno operativi non appena verrà posizionata l'apposita segnaletica. E' quanto filtra dal comando della Polizia Locale di via della Consolazione dove si spiega che il posizionamento è in carico al Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana. Sulle tre ordinanze firmate da tre diversi comandi locali della polizia locale (VIII, IX e X), di cui RomaToday ha dato conto nella giornata di venerdì, si spiega come l'effetto della nuova disciplina di traffico è immediata. I vigili sono pronti e quindi una volta posizionati i cartelli sulla Colombo sarà obbligatorio viaggiare a passo di lumaca.

I NUOVI LIMITI - In particolare tra il ponte che sovrasta via Cilicia e l'incrocio con via Laurentina l'obbligo sarà quello di viaggiare a 30 chilometri all'ora. Dalla Laurentina fino ad Ostia poi si viaggerà a 50 chilometri all'ora. Cambiano quindi i limiti anche nel tratto extra raccordo. Tra Malafede e il raccordo a disciplinare i 50 chilometri orari è un'ordinanza del IX gruppo, mentre dal gra fino a piazzale Cristoforo Colombo c'è un'ordinanza del comandante generale Diego Porta. Ricordiamo che da Malafede a piazzale Colombo i precedenti limiti erano fissati a 80 all'ora. 

NON CI SONO I SOLDI PER LA MANUTENZIONE - Alla base dei provvedimenti c'è lo stato della strada, deformata dalla presenza delle radici, tanto nel tratto che attraversa Garbatella e San Paolo, quanto in quello che porta ad Ostia. Un dissesto sul quale è impossibile intervenire per la mancanza di fondi. A dare il là alle ordinanze il dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana che, si legge nelle determine, "comunicava che il tratto presenta deformazioni e dissesti per l’affiorare degli apparati radicali delle alberature poste a margine della carreggiata e che attualmente non si dispone delle risorse economiche per un intervento di manutenzione straordinaria al fine di un ripristino definitivo della pavimentazione stradale"

LE PROTESTE - In sostanza quindi la strada non si può mettere in sicurezza perché mancano i soldi e si procede ad abbassare i limiti di velocità. Il tutto con buona pace degli automobilisti inferociti per il provvedimento. Claudio: "Temo che saranno eterni questi limiti, viste le zone intorno, Ostia, Acilia: buche ormai lì da secoli crateri più che buche e nessuno tocca niente". Elena si chiede: "Passi il fatto che questo si fa a scopo preventivo e va bene, ma oltre alla prevenzione, si pianifica anche un rifacimento del manto stradale dei tratti di strada interessati o siamo condannati a farci il tragitto a passo di lumaca ab aeterno?". C'è poi chi pensa che i limiti difficilmente saranno rispettati: Si perché loro pensano che la gente va a 30km/h. Non sanno che la Colombo è già intasata di suo durante la settimana se mettono un limite del genere andrebbero a bloccare la viabilità. Io penso chi fa sti limiti prima deve pensare anche quali sono i criteri che vanno incontro".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Camorra, "a Roma comanda tutto lui": il cartello della droga di Michele Senese. Ecco come aveva diviso la Capitale

  • Incidente sulla Pontina: l'auto ha un'avaria, lui scende e viene investito da un tir. Morto 43enne

  • Choc nel parcheggio del supermercato: cliente non lascia il carrello al mendicante e finisce ferito in una pozza di sangue

  • Coronavirus, a Roma 1306 nuovi casi. D'Amato condanna: "Assurde le scene viste nei centri commerciali"

Torna su
RomaToday è in caricamento