rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Centro Storico / Via Vittorio Veneto

Cafè de Paris occupato dai dipendenti: "Noi licenziati illegittimamente, vergogna"

Questo lo striscione che campeggia oggi sul Cafè de Paris di Via Veneto, confiscato perché riconducibile alla 'Ndrangheta nel 2009, e poi dato in gestione a un'altra società

"I lavoratori del Cafè de Paris licenziati illegittimamente, vergogna". Questo lo striscione che campeggia oggi sul Cafè de Paris di Via Veneto, confiscato perché riconducibile alla 'Ndrangheta nel 2009, e poi dato in gestione a un'altra società. Ventidue dipendenti hanno occupato il ristorante, sostenendo di essere stati licenziati e sostituiti proprio oggi da altri lavoratori. 

"Domenica 22 - spiega Claudio Ricci, rappresentante della Filcams Cgil che insieme ai dipendenti si trova nel locale in assemblea permanente - la società che oggi gestisce il Cafè de Paris, locale che ha avuto dal tribunale di Reggio Calabria la confisca dopo il giudizio secondo grado, ha proceduto al licenziamento collettivo in tronco di tutti i dipendenti, a partire da oggi, motivando i licenziamenti con la crisi. 

"Il tutto senza essersi mai rapportati con i sindacati. Nel frattempo il locale è regolarmente aperto con personale che ci ha sostituiti in toto. Tutto ciò che è accaduto nei mesi passati, ossia scorrettezze e abusi di ogni genere nei confronti dei vecchi dipendenti, è stato denunciato alle autorità preposte quali Procura della Repubblica, carabinieri, polizia di Stato, Guardia di Finanza, Ispettorato del Lavoro e, non per ultimi, ai custodi giudiziari". 

Uno degli ex dipendenti, Alfredo, fa sapere che "la saracinesca del locale è stata abbassata per metà verso le 11, perchè i nuovi dipendenti si sono spaventati e temendo di incorrere in sanzioni sono andati via".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cafè de Paris occupato dai dipendenti: "Noi licenziati illegittimamente, vergogna"

RomaToday è in caricamento