Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Liberato il galoppatoio di Villa Borghese, aveva la concessione scaduta dal 2017

L'assessore Onorato: "Ora avanti per il ripristino della legalità su tutti gli impianti sportivi"

E' stato liberato lunedì mattina il galoppatoio di Villa Borghese. Sono stati gli agenti della polizia locale di Roma Capitale a dare seguito al provvedimento emesso dal dipartimento sport e politiche giovanili del comune di Roma, per liberare l'area. Dopo la revoca della concessione dell'area da parte di Roma Capitale, per morosità da parte del centro ippico a cui era stata affidata la gestione e a conclusione dell'esito dei vari ricorsi da parte dello stesso, tutti respinti , oggi è stato possibile liberare l'impianto e affidarlo alla Fise (Federazione italiana sport equestri). 

I 36 cavalli presenti, sono stati tutti visitati da personale veterinario e ora saranno affidati ai legittimi proprietari. Al termine delle procedure, saranno avviate le operazioni per la rimozione di tutta l'attrezzatura per l'equitazione. Sul posto, oltre alla polizia locale,  presente personale del II municipio, dei dipartimenti tutela ambiente e dello sport e politiche giovanili, dell'assessorato all'agricoltura ambiente e ciclo dei rifiuti, nonché dell'assessorato ai grandi eventi, sport e turismo.

L'assessore ai grandi eventi sportivi 

Soddisfazione è stata espressa dall'assessore al comune di Roma Alessandro Onorato: "Abbiamo sgomberato il galoppatoio di Villa Borghese dai concessionari ormai decaduti dal 2017 - le parole dell’assessore allo sport, grandi eventi, turismo e moda di Roma Capitale -. Lo stato di irregolarità degli occupanti era stato confermato da una sentenza del consiglio di stato già nel 2020".

“È ferma intenzione di questa giunta ripristinare la legalità su tutta l’impiantistica sportiva comunale – continua Onorato -. Recupereremo tutti quegli impianti ormai decaduti da anni, che hanno morosità nei confronti di Roma Capitale o che hanno preferito non pagare i mutui garantiti da Roma Capitale, e affideremo quelle stesse strutture al mondo dell’associazionismo di base, delle federazioni sportive e degli imprenditori in grado di investire e garantire una fruizione pubblica dello sport. Aiuteremo nel frattempo i concessionari che hanno avuto problematiche derivanti dalla pandemia o dall’aumento delle bollette. Quello di oggi è solo un primo passo – conclude Onorato - cui seguiranno, come avevamo promesso, tutti gli altri, fino al completo raggiungimento del nostro obiettivo".

L'assessora all'ambiente  

"Grazie alla collaborazione con il servizio veterinario della Asl, attraverso l’intervento degli uffici della direzione benessere animali abbiamo predisposto tutto il supporto necessario a garantire le condizioni ottimali per la cura dei trenta tra cavalli e pony ospitati nella struttura - dichiara l’assessora all’ambiente Sabrina Alfonsi - . Con l’azione odierna passiamo finalmente alla fase attuativa dell’accordo di collaborazione tra Comune di Roma Capitale e Federazione italiana sport equestri, che prevede, tra l’altro, la riqualificazione della storica struttura e la presa in custodia dell’area delle scuderie predisposta dal comune per ospitare le botticelle". 

Sgombero Galoppatoio Villa Borghese 1-2


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liberato il galoppatoio di Villa Borghese, aveva la concessione scaduta dal 2017
RomaToday è in caricamento