Ndrangheta a Roma: trovati latitanti della Cosca San Luca nascosti all'Aurelio

Giuseppe e Antonio Strangio, di 36 e 33 anni, sono stati scovati dagli agenti della Squadra Mobile in un'abitazione fortificata

La Squadra Mobile nell'abitazione di via Aurelia Antica

Avevano trovato rifugio in una casa indipendente posta all’inizio di una traversa di via Aurelia Antica, Giuseppe e Antonio Strangio, rispettivamente di 36 e 33 anni, ritenendo di essere al sicuro, anche per le alte recinzioni, munite di offendicola acuminati che proteggevano la proprietà.  Ciononostante, la loro clandestinità è terminata intorno all'1:00 di questa notte.

BLITZ DELLA MOBILE - A mettere in atto una operazione lampo, gli agenti della Squadra Mobile, coordinati dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato, con gli investigatori che si sono introdotti nella piccola proprietà, sorprendendo dapprima Antonio all’interno del giardino, bloccato nonostante il suo disperato tentativo di fuga. Quindi è stato catturato il fratello Giuseppe, che era all’interno dell’abitazione.

OPERAZIONE ACERO KRUPY - I due, entrambi nativi di Locri, erano destinatari di un fermo di indiziato di delitto emesso dalla DDA (Direzione Distrettuale Antimafia) di Roma e Reggio Calabria a conclusione dell’indagine denominata "Acero - Krupy", condotta nei confronti di appartenenti alle cosche Aquino/Coluccio, Figliomeni, Commisso, Strangio, tutti operativi in Calabria e nel Lazio, ritenuti responsabili di associazione di tipo mafioso, traffico internazionale di sostanze stupefacenti, traffico di armi e riciclaggio, reati consumati in ambito nazionale e internazionale.

COSCA SAN LUCA  - In particolare, i predetti sono indagati per aver agevolato gli interessi della locale di ‘ndrangheta di San Luca di Reggio Calabria. I fratelli Strangio sono ritenuti appartenenti alla nota famiglia di ‘ndrangheta degli Strangio detti “Janchi”, attiva a San Luca e federata al clan NirtaVersu” e contrapposta con gli stessi ai Pelle “Vancheddu” - Vottari “Frunzu” nella nota faida di San Luca che ha mietuto decine di vittime dal 1991 in poi e che ha avuto il suo epilogo nella strage di Duisburg in Germania, consumata alle prime ore del 15 agosto del 2007 nella cittadina tedesca. 

PERQUISIZIONE IN CASA - Nel corso della perquisizione condotta all’esito della cattura, sono stati sequestrati circa 5000 euro, cinque telefoni cellulari, carte di credito e altro materiale nella disponibilità dei fratelli Strangio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

PLAY-16

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso Comune di Roma, pubblicati i bandi: 1512 i posti a disposizione, tutte le informazioni

  • Incendio a Roma Nord, fiamme in un autodemolitore: alta colonna di fumo nero

  • Conosce anziana in treno e la violenta nel vagone, arrestato 28enne

  • Case Ater all’asta: da Garbatella a Trionfale 18 immobili finiscono sul mercato

  • Coronavirus, a Roma nove nuovi casi: sono 18 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 agosto

  • Meteo Roma e Lazio, allerta maltempo da oggi e per le prossime 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento