Aventino: le suore in preghiera ed i ladri nel monastero, rubate le offerte per i bisognosi

La banda è entrata nel convento di Sant'Antonio dopo aver tagliato la grata di una finestra

Via di Santa Sabina 64 (foto google)

Erano in preghiera quando i ladri sono entrati nel monastero. Ad accorgersi del furto è stata poi la madre badessa, una volta terminate le preghiere pomeridiane con le sue sorelle. Nel mirino di una banda è finito il convento di Sant'Antonio Abate all'Aventino dove i malviventi sono fuggiti con il denaro destinato dalle religiose alle persone più bisognose.

La denuncia alla polizia è stata fatta nella serata di martedì da parte delle religiose del Monastero delle Benedettine Camaldolesi di via di Santa Sabina. Intervenuti sul posto gli agenti del commissariato Celio di polizia hanno accertato come i ladri siano entrati nel convento dopo aver tagliato la grata in ferro di una finestra.

Una volta nel monastero i ladri si sono diretti nella camera della madre badessa dove hanno rubato circa 3mila euro, per poi far pardere le loro tracce. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento