Cronaca Cinecittà / Via Libero Leonardi, 130

Via Leonardi, 3 anni fa l'incendio: "Lo stabile è stato ristrutturato"

Il 27 ottobre 2008, in piena notte, un incendio propagatosi da una macchina parcheggiata distrusse buona parte di uno stabile. "Il Comune ha mantenuto le promesse", dicono i residenti

Tre anni fa, la tragedia sfiorata. Due e trenta di notte, quartiere di Cinecittà, un incendio dalle proporzioni spaventose, quasi sicuramente di origine dolosa (c'è ancora un'indagine in corso ndr), e 160 famiglie in preda al panico. Oggi molte delle persone coinvolte sono rientrate nelle rispettive abitazioni al civico 130 di via Libero Leonardi. “Lo stabile è stato completamente ristrutturato e tutte le famiglie hanno fatto ritorno nei propri alloggi dal giugno 2009”, afferma Giorgio Brunelli, segretario del comitato di quartiere di Cinecittà est.

Gabriele Giannini, residente nel palazzo e all'epoca in prima linea nel gestire i rapporti tra gli inquilini e le autorità pubbliche, non nasconde la propria emozione nel ricordare quella notte, densa di fumo e di paura. “Le fiamme salivano dal piano terra del palazzo dopo che alcune auto, parcheggiate all'interno di un garage condominiale,  avevano preso fuoco ed erano esplose. Forse l'incendio si propagò in maniera violenta perché la coibentazione dei soffitti della zona parcheggi non era a norma”.

E il Comune ha mantenuto le proprie promesse? “Si, il Comune ha onorato i propri impegni, facendosi garante dei lavori appaltati”, afferma il signor Giannini. L'intero condominio è stato risistemato, a partire dai primi piani (dove i danni erano maggiori), anche grazie al rimborso parziale di una compagnia assicurativa. I lavori di ristrutturazione, avviati nel marzo 2009 e portati a termine nel giugno dello stesso anno, hanno riguardato il consolidamento della struttura, l'eliminazione dei residui tossici dell'incendio, il ripristino delle parti comuni e degli impianti tecnologici a servizio delle singole abitazioni. “I momenti passati senza casa sono stati pesanti e ciascuno di noi ha nella mente un ricordo indelebile di quel periodo" racconta Giannini.

Delle famiglie evacuate, circa 300 residenti in tutto, gran parte trovò alloggio presso gli alberghi della zona messi a disposizione dal Comune, mentre altri vennero ospitati da parenti e amici”. A suo tempo, precisamente nel febbraio 2009, gli inquilini sfollati diedero vita ad un sit-in di protesta in piazza del Campidaglio per denunciare l'insostenibilità della situazione venutasi a creare e per ribadire la richiesta di sostegno da parte delle istituzioni. In quell'occasione, il sindaco Alemanno firmò l'ordinanza che affidava all'amministrazione del condominio il compito di dare avvio ai lavori di risistemazione. “L'unico rammarico: alcuni residenti hanno preferito andar via, per la volontà, forse, di voltar pagina una volta per tutte e dimenticare per sempre quel brutto episodio”, conclude Gabriele Giannini con un filo di dispiacere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Leonardi, 3 anni fa l'incendio: "Lo stabile è stato ristrutturato"

RomaToday è in caricamento