Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Casal Bertone / Via Biordo Michelotti, 2

Jorit aggredito a Roma mentre dipingeva un murale dedicato a Laura D'Orazio

A raccontare l'accaduto lo stesso street artist sulla sua pagina instagram. L'aggressione all'esterno del parco dell'ex Snia dove stava dipingendo un murale

Aggredito e rapinato mentre dipingeva sul muro dell’Ex Snia al Prenestino il volto di Luana D’Orazio, la giovane operaia morta qualche giorno fa in un incidente nella fabbrica in cui lavorava in provincia di Prato.  È lo stessso street artist napoletano Jorit a rendere nota l'aggressione, pubblicando sul proprio profilo Instagram le ferite riportate dopo l’aggressione. Ad aggredirlo, secondo la testimonianza, un "tossicodipendente che con una scusa mi ha dato addosso, un omone di 2 metri con cane altrettanto grosso, il cane ovviamente non è colpa sua (poverino) per difendere il padrone mi ha morso il braccio atterrandomi. Tutto questo per rubarmi una collanina a cui tenevo tantissimo". 

Jorit aggredito a Roma

Jorit, ha spiegato, non ha "nessuna volontà" di vendicarsi. "Non mi interessa, non sporgerò denuncia, ma spero che questo sia un evento che faccia ragionare tutte le persone che lottano ogni giorno, tutti noi che affettuosamente ci chiamiamo 'compagni', noi che vogliono cambiare questo mondo, questa gente è soltanto feccia noi dobbiamo stare con i lavoratori con il popolo non con questi qui e siamo noi che li dobbiamo allontanare, siamo noi che dobbiamo prenderci le nostre responsabilità e rendere i posti occupati sicuri". Jorit, ha ammesso "in tutta sincerità", è rimasto "traumatizzato non poco" da quanto accaduto ma chiudendo il post ha detto di sperare che questo fatto "sia un monito a tutti e magari ci riporti sulla giusta strada". 

jorit aggredito-2

Il murale di Jorit per Luana D’Orazio all’Ex Snia al Pigneto a Roma

Jorit ha dipinto un murale di Luana D’Orazio che ha dipinto al Prenestino, all’esterno del parco dell'Ex Snia. Una scelta non casuale, essendo l’ex Snia una vecchia fabbrica tessile aperta dal 1923 fino alla metà degli anni Cinquanta, dove hanno lavorato in maggioranza oltre 2mila donne. 

"Il Parco Delle Energie e il Csoa eXSnia Viscosa custodiscono la memoria della fabbrica chimico-tessile che fu, delle morti sul lavoro, della sua nocività, delle lotte operaie e antifasciste, dello spirito della nostra comunità in resistenza", hanno scritto gli attivisti del centro sociale. "Nel 2020 in Italia ogni giorno sono morte di lavoro più di tre persone. Luana, operaia tessile, uccisa a 22 anni dal capitalismo. L'ennesima vittima della perversa logica industriale basata sul profitto. Non la dimenticheremo".

Jorit ha ringraziato gli attivisti, "bravissimi a resistere alla speculazione edilizia che voleva trasformare il parco dell’Ex Snia in un centro commerciale per tutto il supporto che mi hanno dato". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Jorit aggredito a Roma mentre dipingeva un murale dedicato a Laura D'Orazio

RomaToday è in caricamento