Cronaca

Tor San Lorenzo: scoperto un traffico di prostitute romene

Il 32enne, romeno, era ricercato dal 2008, per associazione a delinquere finalizzata al traffico di esseri umani. Costringeva le ragazze a prostituirsi per 30 euro per poi intascare lui i guadagni

Con la falsa promessa di trovare loro un buon lavoro, le conducevano nel nostro Paese, sottraevano loro i passaporti, i cellulari e i soldi per segregarle poi in appartamenti di fortuna. Con inaudite violenze e minacce le obbligavano poi a prostituirsi in strada, pretendendo la consegna del denaro guadagnato. Oggi i carabinieri di Marina di Tor San Lorenzo hanno stroncato quest'organizzazione dedita allo sfruttamento della prostituzione, arrestando Ion Sorin Muraretu, 32 anni, romeno, ricercato dal 2008, per associazione a delinquere finalizzata al traffico di esseri umani.

L'uomo, a partire dal 2003, con la complicità del fratello aveva costituito un gruppo criminale la cui finalità era quella di reclutare in Romania giovani donne, condurle in Italia per poi avviarle alla prostituzione.


Sotto le minacce di violenza o addirittura di morte le donne venivano costrette a prostituirsi in strada per adescare clienti per 30 Euro. Il ricavato veniva quindi incassato dagli sfruttatori. I Carabinieri della Stazione Marina di Tor San Lorenzo hanno scoperto e bloccato il boss che si nascondeva in un casolare alle porte della Capitale. Muraretu era ricercato anche dall'Interpol.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tor San Lorenzo: scoperto un traffico di prostitute romene

RomaToday è in caricamento