rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Cronaca Borgo / Via della Conciliazione

Intronizzazione Papa Francesco: Roma supera la prova organizzazione

La macchina organizzativa ha funzionato alla perfezione: strade chiuse intorno al Vaticano e controlli serrati. Impegnati numerosi agenti e volontari della protezione civile. Alemanno:"La città ha retto"

Tutti in silenzio. Un silenzio assordante, di reverenza e di rispetto. Come a non volere perdere nemmeno una parola di Papa Francesco. Come a non volere disturbare Jorge Mario Bergoglio che, nel giorno della sua prima Santa Messa da Pontefice, sorprende ancora. Si presenta sulla sua papamobile, si ferma fra la gente, bacia i bambini: per tutti è già il "Papa semplice". Poi viene accompagnato sul sagrato da dove celebra, per la prima volta, da Vescovo di Roma. 

IL MONDO IN PIAZZA - In Piazza San Pietro, però, non c'è solo Roma. Tante bandiere argentine sventolano insieme ai vessilli di altri Stati. I bimbi salgono sulle spalle dei genitori per vedere meglio cosa accade. E mostrano orgogliosi la foto di Papa Francesco. Il mondo intero è racchiuso nella piazza Santa, come lo stesso Pontefice aveva chiesto. Una giornata, lunga, di gioia e di festa per i duecentomila pellegrini arrivati a Roma. Giornata cominciata alle sette del mattino, quando dalla loggia di piazza San Pietro viene collocato l'arazzo, che non presenta nessuno stemma. In contemporanea, sotto al sagrato cominciano ad arrivare i primi fedeli. In pochissimo tempo il Vaticano si riempie: le persone popolano la piazza, via della Conciliazione è invasa. Tutto, naturalmente, in uno strano silenzio di rispetto. Interrotto solo dai boati che si sollevano quando Papa Francesco compare sui maxischermo posizionati in piazza. E dal lungo, spontaneo, applauso nato dopo il "pregate ancora per me" del Pontefice. 

Intronizzazione di papa Francesco - foto di C. Guarino

IL PRIMO MIRACOLO  DEL PAPA - Giornata lunga anche per la macchina organizzativa capitolina. Tutto, però, è andato per il meglio: traffico scorrevole, servizio di trasporto pubblico al massimo, vigili ad ogni incrocio e, in centro, poche auto in giro. E' questo il primo miracolo di Papa Francesco. E i romani sono felici: "E' un sogno - dice Elisa - sono arrivata al lavoro in poco tempo, i tempi di attesa erano da capitale europea, praticamente arrivavano convogli uno dopo l'altro. Per non parlare dei varchi aperti perché oggi la metro è gratis, ma questo non si può volere sempre. L'efficienza del servizio, però, sì. Grazie Francesco, anche questo è un miracolo". Effettivamente, il piano organizzativo ha funzionato alla perfezione.  

L'ORGANIZZAZIONE - Sin dalle prime ore del mattino, tante le forze dell'ordine e i volontari della protezione civile che hanno presidiato le zone intorno il Vaticano. Controlli, con metal detector, all'altezza di via di Porta Angelica e via Ottaviano, prima di entrare nel cuore di San Pietro. Molto attiva anche l'Atac che ha garantito la presenza di 500 dipendenti. Utilissimo e riuscito, il potenzionamento della linea A con metro che sono transitate a distanza di un minuto l'una dall'altra evitando congestioni nella stazione Ottaviano, la più prossima a San Pietro. Qualche difficoltà in più per il deflusso: quando poco dopo le undici e trenta la Santa Messa è finita, un fiume umano ha invaso Via di Porta Angelica e Via Ottaviano. Ma anche in questo caso, il piano di organizzazione e sicurezza ha retto bene col personale Atac presente all'esterno e all'interno della Stazione Ottaviano e degli altri snodi fondamentali.

San Pietro per il primo giorno di papa Francesco | Foto di TmNews/Infophoto

LA CITTA' HA RETTO ALLA PROVA" - Orgoglioso il primo cittadino, Gianni Alemanno: "Per le informazioni che abbiamo finora tutto ha funzionato bene, non ci sono stati particolari disagi, la macchina organizzativa allestita da prefettura, questura e Roma Capitale, ha funzionato e anche questa volta la città ha retto alla prova. Chiaramente - aggiunge il primo cittadino di Roma - ci sono state strade blindate dal punto di vista della sicurezza ma senza particolari disagi e la voce di Francesco ha potuto risonare serena, tranquilla, molto forte e ci da veramente una speranza per il futuro''. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Intronizzazione Papa Francesco: Roma supera la prova organizzazione

RomaToday è in caricamento