menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lampeggiante sull'auto e pistola sul cruscotto: fermato infermiere finto poliziotto

Il 50enne romano girava a bordo della sua Panda, con lampeggiante blu e pistola caricata a piombini. Ai carabinieri ha detto di essere un collega

E' un infermiere ma si fingeva un carabiniere. L'uomo girava a bordo della sua Panda dotata di un lampeggiante blu, simile a quello in dotazione alle auto "civetta" delle forze dell’ordine, e aveva sul cruscotto una pistola 'soft air' caricata a piombini.

Quando ha incrociato una pattuglia della Stazione Carabinieri di Castel Gandolfo, il 50enne romano incensurato ha cercato in tutti i modi di eludere il controllo dei militari, insospettiti dalla presenza di quella insolita 'auto blu' sulla via Nettunense. Fermato, l'uomo si è rivolto ai carabinieri senza esitazione dicendo inizialmente di essere un collega. I militari hanno voluto comunque vederci chiaro e, a quel punto, l'infermiere ha confessato la verità.

Nell'auto incriminata è stata trovata una pistola 'soft air' con il tappo rosso appositamente verniciato di nero e con caricatore munito di 20 pallini in acciaio. Il 21esimo colpo era in canna e già pronto all'uso. Accanto all'arma, c'era anche una bomboletta di gas per la ricarica della pistola. Durante la perquisizione scattata nell'abitazione di Genzano, i Carabinieri hanno invece sequestrato altri 200 pallini in acciaio e una somma di circa 400 euro.

Il finto militare è stato arrestato e portato nel carcere di Velletri, dove resta a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Adesso deve rispondere di possesso di segni distintivi contraffatti e di pistola giocattolo priva di tappo rosso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento