Lago di Bracciano, perquisizioni negli uffici di Acea: indagato il presidente Saccani

A disporre le indagini la Procura di Civitavecchia a seguito di diverse denunce in merito alla criticità ambientale che sta interessando il bacino lacustre. Respinto dal Tribunale il ricorso di Acea contro la Regione

Immagine d'archivio

Indagato per inquinamento ambientale il presidente di Acea, Paolo Saccani, raggiunto da un avviso di garanzia. Nel primo pomeriggio le perquisizioni presso gli uffici di Acea Ato 2 spa di piazzale Ostiense da parte dei Carabinieri del Noe che hanno sequestrato documentazione relativa alla captazione di acqua dal lago di Bracciano. 

A disporre le indagini la Procura della Repubblica di Civitavecchia dopo aver ricevuto diverse denunce in merito alla criticità ambientale che sta interessando il bacino lacustre a nord di Roma. Da qui la disposizione dell'esecuzione di una perquisizione nei locali dell'azienda capitolina.  

Il reato contestato è all'articolo 452 quinquies del codice penale e riguarda l'inquinamento ambientale colposo, in richiamo del 452 bis dove si definisce "inquinamento ambientale" l'alterazione irreversibile dell'equilibrio di un ecosistema e l'alterazione dell'equilibrio di un ecosistema la cui eliminazione risulti particolarmente onerosa e conseguibile solo con provvedimenti eccezionali.

Il Codacons commenta la notizia delle indagini: "E' una buona notizia per i romani e per tutti quei cittadini che saranno interessati dal razionamento dell'acqua. Grazie a tale decisione, potranno far valere i propri diritti costituendosi parte offesa nel procedimento avviato dalla Procura. Ciò ai fini delle doverose richieste risarcitorie per i danni morali e materiali legati al taglio del servizio idrico a fronte del pagamento di tariffe piene. In tal senso il Codacons offrirà assisterà legale ai cittadini nella costituzione di parte offesa di massa dinanzi la Procura di Civitavecchia, qualora si verifichi il razionamento dell'acqua" conclude Rienzi.

Ricorso respinto

Intanto il Tribunale superiore delle acque pubbliche ha rigettato il ricorso presentato dalla stessa Acea sulla sospensiva dello stop ai prelievi dal lago di Bracciano ordinato dalla Regione Lazio. Nella sentenza si legge che la turnazione del servizio di distribuzione dell'acqua nel territorio del Comune di Roma non "appare una conseguenza non imposta in via esclusiva dall'ordinanza impugnata". 

Il provvedimento con cui la Regione Lazio ha ordinato ad Acea lo stop ai prelievi, osserva il Tribunale nel decreto, "non appare inficiato da irragionevolezza, considerato che tutti i Comuni i cui territori sono vicini o confinanti con il lago di Bracciano si sono espressi favorevolmente rispetto ad un intervento" della stessa amministrazione regionale "diretto ad interrompere il prelievo d'acqua al fine di impedire un ulteriore abbassamento del suo livello idrometrico". L'ordinanza della Regione, scrive ancora il Tribunale, "appare riconducibile al potere immanente della autorità concedente la derivazione per usi potabili di assumere determinazioni volte a contrastare cause o concause che generino l'irreversibile depauperamento della detta risorsa idrica, con conseguenti ripercussioni negative e definitive anche sul sistema lacustre". 

Un'emergenza quella del lago di Bracciano che questa mattina il ministro Gian Luca Galletti ha definito "la più grave del centro Italia". Mentre tra Acea e Regione continua il muro contro muro. Ieri l'ennesima puntata della "guerra" dell'acqua che sta coinvolgendo da giorni le istituzioni a più livelli. La Regione Lazio ha attaccato il gestore della rete idrica: "Ci è stato comunicato che non effettueranno prelievi da altre fonti", ipotesi invece auspicata dalla Pisana per scongiurare il razionamento. A seguire la replica di Acea, piccata per le accuse velate di inefficienza. "Il problema è che non ci sono le infrastrutture adeguate per effettuare ulteriori prelievi sulle altre sorgenti". Un braccio di ferro che non si placa, nelle more di una soluzione ufficiale che tarda ad arrivare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento