Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca

Monopattini a Roma: in 13 mesi 176 incidenti, 700 le multe elevate in Centro Storico

Dopo la morte di un 34enne al Quartiere Trieste si riaccende il dibattito sulla regolamentazione dei mezzi ecologici

Una media di 15 incidenti al mese. Nello specifico 176 in tredici mesi (ovvero dal maggio 2020 a giugno 2021 compreso). Sono i dati dei sinistri rilevati a Roma nell'ultimo anno dagli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale. Mezzi ecologici, la maggior parte dei quali in sharing, che hanno progressivamente invaso le strade dell'Urbe, dove nel corso degli ultimi due anni sono state molteplici le scene di persone immortalate in manovre ed utilzzo pericoloso del mezzo sostenibile. 

Monopattini fotografati nel corso dei mesi sulle grandi arterie stradali, come il Raccordo Anulare o la Tangenziale, ma anche condotti da giovanissimi, anche in due o tre persone, soprattutto per le vie del Centro capitolino, a bordo dei quali non c'è ancora l'obbligo di casco. Infrazioni al codice della strada costantemente monitorate dai vigili urbani romani.

700 multe in Centro Storico

Negli ultimi mesi, in particolare nel corso dell'estate, grazie all'incremento dei controlli voluti dal Comando Generale, soprattutto nelle zone centrali dove sono maggiormente usati tali mezzi, sono state rilevate dagli agenti oltre 700 infrazioni da parte dei conducenti di monopattini nella zona del Centro Storico, area con maggior numero di mezzi in circolazione. In tale contesto il dirigente I Gruppo Centro, dottoressa Donatella Scafati, ha predisposto un servizio ad hoc con pattuglie dedicate a questo tipo di controlli. Tra gli illeciti, quelli maggiormente riscontrati quelli legati al trasporto non consentito del passeggero (in due su monopattino), soste irregolari e mancato uso dispositivi di protezione. 

15 incidenti con i monopattini ogni mese

Utilizzo dei monopattini che, dopo la morte di un 34enne coinvolto in un incidente mortale al Quartiere Trieste, ha riacceso il dibattito politico sulla necessità di regolamentarne l'uso. Incidenti che, a dispetto di quanto si possa immaginare, sono diminuiti rispetto al 2020, anno del lockdown, quando i 'caschi bianchi' della municipale ne rilevarono una media di 20 al mese (a fronte dei 15 compresi fre maggio 2020 e giugno 2021). Da qui le polemiche, in primis del candidato Sindaco del centrodestra Enrico Michetti che a poche ore dalla tragedia di via Chiana ha tuonato: "I monopattini non hanno regolamentazione. Purtroppo, i ragazzi, o chi li utilizza, non hanno l'obbligo del casco. A via Gregorio VII è morto un ragazzo, ieri a corso Trieste un altro” ha ricordato Enrico Michetti. Per il candidato di centrodestra alle elezioni capitoline “i monopattini senza una disciplina sono pericolosi. Non possono circolare così, li vedi sbucare all'improvviso, contromano, in due. Serve ragione per trovare dei rimedi e trovare una regolamentazione” ha sottolineato il “Tribuno del popolo”. Ma non è il solo, nel campo del centrodestra, ad aver chiesto di disciplinare l’utilizzo dei mezzi di micromobilità.

Il post dell'assessore alla Mobilità

Regolamentazione sulla quale è intervenuto anche l'assessore alla Mobilità Pietro Calabrese con un lungo post sulla sua pagina Facebook: "La sicurezza stradale è una questione che ci riguarda tutti e come amministrazione da sempre la consideriamo una priorità. E' un tema delicato in cui la maggiore sfida deve essere quella di far sì che tutti, in primis chi guida le automobili, rispettino le regole del codice della strada e gli utenti più deboli. Come Roma Capitale, sin dall'inizio abbiamo promosso un uso “regolamentato” dei mezzi di micromobilità in sharing, ritenendoli una validissima alternativa alle automobili, uno strumento fondamentale anche per riequilibrare gli spazi, aumentando quelli riservati alla mobilità dolce e sostenibile".

Assessore della Giunta Raggi che spiega quanto fatto dall'amministrazione per regolamentare l'uso dei monopattini: "Per quanto di nostra competenza abbiamo adottato un preciso regolamento per l'uso dei monopattini e delle bici in sharing, così da garantirne uno sviluppo ordinato. Abbiamo anche creato una piattaforma unica di monitoraggio che verifica proprio l'uso di questi mezzi in tutta la città. Abbiamo promosso e sponsorizzato corsi sulla sicurezza stradale insieme agli operatori e intensificato i controlli - prosegue il post di Calabrese -. Continuiamo inoltre a promuovere tutte le innovazioni che servono per garantire maggiore sicurezza, come ad esempio l'applicazione delle “frecce” bidirezionali sui mezzi, però, se parliamo di sicurezza stradale, dobbiamo avere una visione più generale e non focalizzare l'attenzione solo sui monopattini. 

"Se ci deve essere un vero “giro di vite” per garantire maggiore sicurezza, come quello che molti in questo momento invocano, deve riguardare la sicurezza legata a tutti i mezzi di trasporto, e soprattutto le automobili, perché è in grandissima parte ad esse che è legata l'incidentalità - conclude l'assessore alla Mobilità -. E lo sappiamo tutti, ma ovviamente è più facile puntare il dito da un'altra parte.  Per quanto riguarda le regole sull'uso dei monopattini, sappiamo che sono già in discussione modifiche al codice della strada e sarà comunque il parlamento ad intervenire se lo riterrà necessario".

Il presidente della Commissiona Mobilità 

Regole spiegate anche dal presidente della Commissione Mobilità Enrico Stefàno: "I monopattini hanno già una regolazione chiara sono equiparati ai velocipedi (le biciclette) e devono sottostare alle stesse regole previste per questi dal Codice della Strada – aveva ricordato il presidente della commissione Mobilità Enrico Stefàno, all’indomani dell' incidente mortale di cui era rimasto vittima, a fine agosto, un altro utente dei monopattini. Nel spottolineare che “a Roma ci sono 150 morti  all’anno e i 15.000 feriti  da decenni, molto prima della 'invenzione' dei monopattini”, l’ex consigliere pentastellato, ora sostenitore della candidatura di Roberto Gualtieri, aveva aggiunto che “prevedere obblighi di caschi, assicurazioni, targhe, non risolverebbe il problema, al massimo (come spesso avviene in Italia) sposterebbe le responsabilità”. I candidati presenti nel campo del centrodestra, stando alle recenti dichiarazioni, non sembrano concordare".

L'ultima vittima al Quartiere Trieste 

A riaccendere il dibattito due incidenti con esito mortale, che hanno riguardato due persone alla guida di un monopattino. Ultimo in ordine cronologico la notte fra l'8 ed il 9 settembre quando ha perso la vita un 34enne nigeriano, residente nella Capitale. Un sinistro sul quale stanno ultimando gli accertamenti gli agenti del XV Gruppo Cassia della Polizia Locale di Roma Capitale intervenuti in via Chiana.

Tragico scontro innescato da un'infrazione al codice della strada. Secondo quanto ricostruito dai 'caschi bianchi' l'urto fra il mezzo elettrico e la Mini One è stato determinato dal passaggio con il semaforo rosso di uno dei due mezzi coinvolti con il monopattino che procedeva in direzione piazza Verbano e la vettura, condotta da un 19enne in compagnia di due ragazzi di 18 e 19 anni, che viaggiava verso la via Salaria. All'altezza di via Sebino lo scontro, fatale per il 34enne nato in Nigeria ma residente nella Capitale. Dinamica in relazione alla quale gli agenti della municipale hanno acquisito le immagini di videosorveglianza, appunto per accertare chi sia passato con il rosso innescando l'incidente.

Alexander Gonzales Hernandez morto a Gregorio VII

Incidente con esito mortale avvenuto a tre settimane esatte da un'altra tragedia, consumatasi lo scorso 19 agosto quando Alexander Gonzales Hernandez, un ragazzo di 27 anni di origini filippine, è morto in ospedale, vittima di un incidente stradale in monopattino. Dopo tre settimane di coma, il suo cuore ha smesso di battere. Troppo gravi le ferite riportate dopo la caduta dal suo scooter elettrico Dual Tron Mini Xiaomi sulla pista ciclabile di via Gregorio VII. Stando a quanto ricostruito da RomaToday, le pattuglie del gruppo XIII Aurelio della Polizia Locale intervennero sulla ciclabile, all'altezza dell'incrocio tra in via Gregorio VII e via del Cottolengo, intorno alle 2 del mattino. Per terra, ferito, c'era Alexander Gonzales Hernandez, caduto dal suo monopattino. Il ragazzo, in gravi condizioni, venne portato in codice rosso all'ospedale Santo Spirito e successivamente trasferito al San Camillo. Sottoposto a due operazioni, morì il 19 agosto. Secondo quanto si apprende sono tutt'ora in corso le indagini da parte della Polizia Locale per ricostruire quanto accaduto. Al momento nessuna pista viene esclusa, anche se dalle prime fasi d'indagine non sembrerebbe essere coinvolto un altro mezzo.  
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monopattini a Roma: in 13 mesi 176 incidenti, 700 le multe elevate in Centro Storico

RomaToday è in caricamento