Anziano investito da scooter sulla Laurentina: i familiari cercano un testimone chiave

In seguito alla denuncia del figlio lo scooterista che si era allontanato dal luogo dell'incidente si è presentato alle forze dell'ordine. "Cerchiamo una guardia giurata che ha riconsegnato i documenti di mio padre al personale medico"

Il cartello diffuso dal figlio di Felice Zarra

Si è presentato spontaneamente alle forze dell'ordine ammettendo di essere stato lui ad investire un anziano che attraversava la via Laurentina. Era lo scorso 22 giugno ed erano passate poco più di 24 ore dalla denuncia dei familiari che cercavano testimoni che avessero assistito all'incidente stradale in cui è rimasto ferito Felice Zarra, 82enne residente all'Eur. L'investimento risale alle 22:30 dello scorso 20 giugno sulla via Laurentina, zona Cecchingola-Giuliano Dalmata, con l'uomo poi trasportato in codice rosso all'ospedale Sant'Eugenio dall'ambulanza del 118 intervenuta all'altezza dell'incrocio via dei Corazzieri-viale Oceano Pacifico.

L'INCIDENTE - Nessuna traccia dell'investitore, allontanatosi dal luogo dell'incidente senza prestare soccorsi. Poi l'appello del figlio dell'anziano, Vincenzo Zarra, che tramite le pagine di RomaToday ha chiesto l'aiuto di possibili testimoni che avvessaro assistito al sinistro. Tra di loro "una guardia giurata", che ha prestato i primi soccorsi ed ha recuperato i documenti dell'82enne consegnandoli al personale medico, senza rilasciare la sua testimonianza. Ed è proprio questo vigilantes "che potrebbe aver assistito all'investimento e che potrebbe fornire dettagli utili per fare luce sull'accaduto".

L'INVESTITORE - Secondo quanto spiega Marcello Zarra: "L'investitore era alla guida di uno scooter T-Max, ma ha riferito di essere passato sulla via Laurentina con il verde, mentre mio padre stava attraversando sulle strisce con il rosso". Purtroppo, spiega ancora il figlio di Felice Zarra, che si trova ancora in ospedale con forti dolori "nessuno ha fatto i rilievi dell'incidente. Sul posto è arrivata solamente l'ambulanza che ha provveduto a portare mio padre in ospedale". Per questo il figlio del ferito ha attaccato numerosi cartelli sulla via Laurentina per "cercare la guardia giurata che ha assistito all'investimento".

IL CARTELLO - Un cartello eloquente, dove si legge: "Cercasi testimoni che abbiano assistito all'investimento di un pedone da parte di uno scooter T-Max il giorno 20/6/17 in via Laurentina, altezza via dei Corazzieri. Si cerca in particolare una guardia giurata che ha prestato i primi soccorsi. Grazie". Chiunque abbia assistito all'investimento o abbia informazioni su quanto accaduto il 20 giugno scorso sulla via Laurentina può contattare le forze dell'ordine o direttamente il figlio Vincenzo al numero: 3401002788, o la redazione di RomaToday al numero:3938288266.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Lazio zona arancione? Oggi la decisione

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Centro commerciale Maximo di Roma: ecco quali sono i negozi presenti all'interno

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

Torna su
RomaToday è in caricamento