rotate-mobile
Incidenti stradali

La mappa delle strade più pericolose di Roma e provincia

Nel 2021 a Roma si sono registrati 11.129 incidenti stradali e 121 vittime (104 nel 2020 e 131 nel 2019). Lo studio Aci

Il grande raccordo anulare resta la strada più pericolosa di Roma. Seppur il numero di incidenti stradali fatti registrare nel 2021, in quel tratto, è minore rispetto a quelli segnalati nel 2019. Lo dice uno studio di Aci che ha mappato le strade più pericolose di Roma e della provincia. Stando ai dati emersi nell'ultimo anno, la Capitale, con la sua provincia, registra un totale di 11.129 incidenti stradali (8.229 nel 2020 e 12.271 del 2019) con 13.862 feriti (10.452 nel 2020 e 15.919 nel 2019) e 121 vittime (104 nel 2020 e 131 nel 2019).

Roma è maglia nera nel Lazio, complice anche ll territorio vasto. Prendendo in analisi, secondo lo studio 'localizzazione degli incidenti stradali 2021' le 47 strade della viabilità primaria, a scorrimento veloce, dei 2.398 incidenti rilevati lo scorso anno, dietro al Gra (539 incidenti) ci sono la via Casilina con 174 sinistri e l'Aurelia con 119. A seguire ci sono la Pontina con 111 e la via Flaminia con 106 incidenti.

Poco sicure anche l'Ostiense e la Nettunense con 80 e 73 incidenti, rispettivamente. Sono queste le strade più pericolose della Capitale. Il raccordo anulare con 8 sinistri mortali in anno e la Litoranea Ostia-Anzio, ne segna il doppio della via Appia con 4. Pure per chi viaggia sulle due ruote è il Gra il tratto viario più pericoloso a Roma: prendendo in esame i dati di 10 strade della rete primaria, per un totale di 544 incidenti, ben 95 si sono verificati lì.

Subito dopo c’è l'Aurelia con 26 sinistri e il tratto urbano della A24 con 20. In linea generale Roma, pur confermando il numero più alto di tamponamenti nel 2021 su strade urbane (9.891) e su strade extraurbane (1.240) registra comunque un calo dell'incidentalità e dei morti. Escluso il 2020 - quando i dati sono ridotti in virtù del minore traffico dovuto ai lockdown – nel 2019 su tutta Roma i sinistri sono stati 15.401, e fanno registrare meno 7,6% sui 14.031 del 2021.

Per quanto riguarda il tasso di mortalità (ogni 100mila abitanti) il Lazio va di poco sopra la media nazionale (4,9) e arriva a 5. Recentemente, restando in ambito urbano, il Codacons ha presentato sette denunce per chiedere alla magistratura di intervenire, accertando le responsabilità di Roma Capitale e del suo sindaco, sulla sicurezza di alcune strade. Le denunce hanno riguardato una per ogni strada considerata "pericolosa", vale a dire via Cristoforo Colombo, via Laurentina, via Nomentana, via Tiburtina, via Cassia, via Olimpica ed il lungomare di Ostia.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La mappa delle strade più pericolose di Roma e provincia

RomaToday è in caricamento