Incidente a Ponte di Nona: scontro tra auto, una rubata. Morti due giovani

Lo scontro in via Giorgio Grappelli nel cuore della notte. L'Escort guidata dai giovani viaggiava contromano inseguita dalla polizia. Per due 19enni non c'è stato nulla da fare, ferito il conducente di un Suv

I rilievi stradali subito dopo lo schianto mortalee nel sottopasso di via Grappelli a Ponte di Nona

Una folle corsa contromano. Uno scontro nel cuore della notte di Ponte di Nona tra un suv ed un'auto rubata costato la vita a due giovani 19enni. L'impatto fatale intorno alle 4,10 in via Giorgio Grappelli, a due passi dal centro commerciale Roma Est. A scontrarsi frontalmente nel sottopasso dello 'stradone' del quartiere nella periferia orientale della Capitale, una Nissan Qasqai con a bordo un uomo, ed una Ford Escort, appena rubata, guidata da tre giovani nomadi.

AUTO RUBATA IN FUGA - La folle corsa della Escort era cominciata poco prima in zona Prenestino, dove la banda l'aveva appena rubata. Cominciata una lunga fuga l'autovettura è stata intercettata mentre sfrecciava nel territorio del VI Municipio delle Torri da una volante del commissariato di Torre Maura. Controllata la targa e appreso che si trattava di un mezzo rubato gli agenti hanno intimato l'alt ai fuggiaschi che invece di fermarsi hanno dato gas cominciando una pericolosa gimcana su via Grappelli con due volanti all'inseguimento. Poi lo schianto nel sottopasso della strada che congiunge la Collatina alla zona di Lunghezza.

ULTIMO TENTATIVO - Nonostante l'impatto con le auto semidistrutte, il 19enne alla guida della Escort, unico rimasto vivo a bordo dell'autovettura in fuga, ha tentato un ultimo disperato tentativo a piedi venendo poi fermato dai poliziotti.

DUE MORTI E DUE FERITI - Straziante la scena che si sono trovati davanti i primi soccorsi arrivati sul posto. Entrambe le automobili erano infatti distrutte con la Escort letteralmente spezzata in due. Medicati dai sanitari del 118, l'uomo a bordo della Nissan è stato trasportato in codice giallo al Policlinico Tor Vergata. Nosocomio nel quale è arrivato anche il corpo privo di vita di uno dei 19enni che viaggiava a bordo dell'auto rubata, assieme ad un suo coetaneo, il conducente dell'autovettura, medicato con un codice verde. Morto anche l'ulitmo dei tre nomadi nati nel 1995, tutti pluripregiudicati, deceduto all'ospedale Sandro Pertini.

INDAGINI DELLA POLIZIA - Svolti i rilievi stradali dagli agenti della Municipale, le indagini su quanto accaduto sono ora in mano degli investigatori di polizia del Commissariato Casilino Nuovo, diretti dal dottor Francesco Zerilli. Pesanti le accuse nei confronti del 19enne medicato in codice verde al PTV ed ancora in corso di identificazione certa in quanto sprovvisto di documenti come gli altri due giovani: "Omicidio colposo plurimo, guida senza patente, furto, ricettazione, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Coronavirus, nel Lazio chiusi negozi e supermercati alle 21: la nuova ordinanza della Regione

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

  • Vigili fanno sesso in auto a Roma, la commedia sexy si tinge di giallo: spunta l'ipotesi della microspia

  • Coronavirus Roma, Matteo si fa ricoverare insieme allo zio down positivo al Covid: "Non potevo lasciarlo solo"

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

Torna su
RomaToday è in caricamento