Martedì, 28 Settembre 2021
Incidenti stradali Salario / Via Chiana

Incidente al Quartiere Trieste: scontro fra auto e monopattino, un morto

Sul posto la Polizia Locale. Il sinistro in via Chiana

L'ultima tragedia meno di un mese fa quando un 27enne è morto in ospedale dopo essere rimasto coinvolto in un incidente in monopattino in via Gregorio VII. Era il 19 agosto, a distanza di tre settimane esatte ancora una vittima e sempre mentre si trovava sul mezzo ecologico. L'incidente mortale questa notte al Quartiere Trieste. A perdere la vita un uomo che si trovava a bordo di un monopattino. Nel sinistro coinvolta anche un'auto. Lo scontro poco dopo la mezzanotte fra l'8 ed il 9 settembre in via Chiana, altezza via Sebino. 

In particolare lo scontro ha visto coinvolti un monopattino condotto da un cittadino nigeriano di 34 anni ed un'auto, una Mini One, alla cui guida c'era un ragazzo italiano di 19 anni, fermatosi a prestare i primi soccorsi. Per il 34enne che si trovava sul mezzo ecologico, non c'è stato nulla da fare, è deceduto prima di poter essere trasportato in ospedale dall'ambulanza del 118. 

Una dinamica ancora da accertare con esattezza, sulla quale stanno terminando i rilievi scientifici gli agenti del XV Gruppo Cassia della Polizia Locale di Roma Capitale intervenuti sul posto. Sequestrati entrambi i mezzi con il giovane alla guida dell'auto sottoposto ai test alcolemici e tossicologici di rito.  

Incidente con esito mortale che ha riacceso il dibattito sulla regolamentazione dei monopattini: “I monopattini non hanno regolamentazione. Purtroppo, i ragazzi, o chi li utilizza, non hanno l’obbligo del casco. A via Gregorio VII è morto un ragazzo, ieri a corso Trieste un altro. I monopattini senza una disciplina sono pericolosi. Non possono circolare così, li vedi sbucare all’iprovviso, contromano, in due. Serve ragione per trovare dei rimedi e trovare una regolamentazione”. Scrive su Facebook il candidato sindaco di Roma Enrico Michetti..

Duri i commenti di Enrico Cola ed Elisabetta Bianchi, candidati alle prossime elezioni amministrative nella fila di Fratelli d’Italia al II Municipio di Roma: "Un incidente gravissimo che dimostra come a Roma l’amministrazione non abbia fatto nulla per incrementare la sicurezza a bordo dei monopattini. Lo affermano Enrico Cola ed Elisabetta Bianchi, candidati alle prossime elezioni amministrative nella fila di Fratelli d’Italia al II Municipio di Roma, dopo lo scontro avvenuto nella notte del quartiere Trieste (II Municipio) dove un 34enne ha perso la vita.

“Le strade del II municipio ogni notte si trasformano in un far west, con auto che sfrecciano a tutta velocità e nessun controllo da parte delle forze dell’ordine – spiegano Enrico Cola ed Elisabetta Bianchi (FdI) – Una situazione da tempo denunciata dai residenti, che segnalano come nella zona, specie nelle ore notturne, regni l’anarchia più totale".

“A tale situazione va aggiunta la mancanza di interventi da parte del Comune per incrementare la sicurezza a bordo dei monopattini - concludono i candidati di Fdi - mentre città come Milano e Firenze si sono attivate per rendere obbligatorio il casco e introdurre sul territorio misure per garantire l’incolumità di chi usa i monopattini, a Roma nulla è stato fatto, e non a caso in città si registra un pericoloso incremento di incidenti anche gravi che coinvolgono tale mezzo di locomozione". 

Pensiero simile anche da parte di Sara De Angelis, deputata Lega e candidata al consiglio comunale": La morte del giovane 34enne, coinvolto nello scontro tra il suo monopattino e un'auto nel quartiere Trieste, è una tragedia che impone una profonda riflessione, a tutti i livelli. Nello stringerci ai familiari dell'ennesima vittima della strada, aspettiamo che la Polizia Locale faccia tutti i rilievi del caso e chiarisca la dinamica di questo incidente. Appare comunque evidente la mancanza di regole chiare sull'uso dei monopattini. Servono interventi immediati, che contribuiscano a scongiurare il ripetersi di simili avvenimenti drammatici". 

"Esprimo un partecipato cordoglio alla famiglia del 34enne nigeriano che ha perso la vita questa notte a bordo di un monopattino a noleggio investito da un’autovettura – dichiara Elisabetta Lancellotti, Candidata al Consiglio Comunale per la Lista Civica Gualtieri Sindaco - Da tassista vivo i problemi della mobilità di Roma ogni giorno: strade dissestate, segnaletica mancante, incidenti, ai quali, come se non bastasse, si somma l’anarchia dei monopattini. Quest’assenza di regole ha comportato il secondo decesso per incidente in soli due mesi".

"Assistiamo ad una vera e propria giungla urbana, bisogna intervenire immediatamente sulla questione monopattini, strumento utile ma, ad oggi, utilizzato senza regole, rispetto del codice della strada, stalli fissi e messa in sicurezza di chi lo utilizza. Così, la mobilità alternativa diventa una roulette russa sulla pelle dei cittadini romani – conclude la Lancellotti – è ora di riportare regole e legalità al Campidoglio". 

"È la sesta vittima di incidenti con il monopattino dall'inizio dell'anno, la terza a Roma - dichiara in una nota Maria Spena, deputata di Forza Italia e candidata capolista alle Elezioni Comunali di Roma -. Serve con urgenza una regolamentazione della circolazione di questi mezzi elettrici che possono diventare estremamente pericolosi senza una normativa adeguata. La proposta di legge di Forza Italia attualmente all'esame in Commissione Trasporti alla Camera prevede - tra le altre novità da introdurre - anche il divieto di circolazione dopo il tramonto, circostanza che scongiurerebbe il verificarsi di tragedie come quella avvenuta questa notte a Roma costata una giovane vita. Le strade della Capitale non possono rimanere un Far West metropolitano per i monopattini elettrici". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente al Quartiere Trieste: scontro fra auto e monopattino, un morto

RomaToday è in caricamento