rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Incidenti stradali Prenestino / Largo Telese

Travolto a bordo dello scooter da un'auto pirata passata col rosso: morto il 36enne

Per Giampiero Tarli, non c'è stato nulla da fare. Il giovane di Ascoli Piceno è deceduto all'ospedale Pertini. L'incidente a largo Telese, all'incrocio con la via Prenestina

E' morto nella notte all'ospedale Sandro Pertini Giampiero Tarli, il 36enne di Ascoli Piceno travolto a Largo Telese da un'auto pirata nella mattinata di ieri, giorno della Liberazione. Le sue condizioni, apparse da subito gravi, sono degenerate fino alla morte.

CACCIA AL PIRATA - A rendere ancora più amaro il decesso del giovane marchigiano residente a Centocelle la fuga del suo investitore, che secondo le prime testimonianze raccolte sul luogo dell'impatto, era alla guida di un'automobile grigia. L'incidente si è infatti verificato in un orario mattutino  (alle 11,15) con molti cittadini presenti all'incrocio tra largo Telese e via Prenestina nel momento dello scontro. A cercare di rintracciare il fuggitivo gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale che sembrerebbe abbiano diversi elementi in mano per chiudere al più presto il cerchio sull'automobilista.

Incidente via Prenestina, altezza largo Telese

PASSAGGIO COL ROSSO - Secondo quanto rilevato dai vigili urbani, Giampiero Tarli stava imboccando la via Prenestina in direzione viale Palmiro Togliatti provenendo da largo Telese. Lo scooter ha provato a svoltare verso destra vista la precedenza data dal segnale verde del semaforo, ma all'angolo con la consolare è stato investito in pieno dall'auto che proveniva da largo Preneste, passata a tutta velocità nonostante il semaforo rosso. Quindi l'impatto, con il 36enne catapultato dalla sella dello scooter sull'asfalto e il mezzo a due ruote a scivolare per terra prima di arrestarsi al centro della carreggiata dopo la botta subita.

RADIO ONDA ROSSA - Molto conosciuto nell'ambiente della sinistra romana, la notizia della morte di 'Giampi' ha fatto il giro dell'etere. Dalle frequenze di Radio Onda Rossa hanno salutato Giampero Tarli, sottolineando come un gruppo di militanti ieri in corteo da Centocelle alla Prenestina per la Liberazione d'Italia sia "rimasto sconvolto nel vedere l'incidente e nell'apprendere che si trattava di un compagno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Travolto a bordo dello scooter da un'auto pirata passata col rosso: morto il 36enne

RomaToday è in caricamento