rotate-mobile
Incidenti stradali

Incidenti stradali: a Roma una strage senza fine, cinque morti in quattro giorni

Quattro delle cinque vittime erano appena ventenni

Cinque morti in quattro giorni, quasi tutti poco più che ventenni. Numeri da guerra civile, che raccontano di una strage continua che avviene ogni ora del giorno e della notte sulle strade di Roma. Sono infatti cinque le persone decedute in conseguenza di altrettanti incidenti stradali avvenuti nella Capitale fra il 15 ed il 18 ottobre. 

Numeri che, come periodicamente accade, riaccendono l'attenzione sulla sicurezza stradale. Numeri che per questo 2022 il comando della polizia locale fatica a fornire. I dati sugli incidenti in città infatti non arrivano come accadeva negli anni passati. Una indisponibilità legata al nuovo software per la rilevazione degli incidenti. Secondo fonti qualificate consultate da RomaToday, l'azienda fornitrice non ha ancora fornito le corrette modalità per elaborare tutti i dati. Il risultato è l'impossibilità di elaborare dati, statistiche con conseguente assenza di una mappatura delle strade e degli incroci più pericolosi da attenzionare.  

E in attesa dei dati a parlare è la cronaca, in questi ultimi quattro giorni tinta drammaticamente dal sangue delle vittime.

Incidente mortale a Vigna Murata 

Ultima vittima di questa strage silente nel pomeriggio di ieri, quando un uomo di 50 anni alla guida della sua vettura si è schiantato contro un albero. La tragedia su via di Vigna Murata, strada ad alta incidentalità, nella serata di martedì. Uno schianto fatale per il conducente della vettura. Estratto dalle lamiere dell'abitacolo per Emanuele Nolli non c'è stato nulla da fare, è deceduto sul colpo prima di poter essere soccorso. Un sinistro autonomo, sul quale stanno terminando gli accertamenti gi agenti del XII gruppo Monteverde della municipale. 

Incidente via Vigna Murata 18.10.2022-2

Ventenne morto a Tor Bella Monaca

Un 18 ottobre di sangue, che nel pomeriggio (alle 18:30 circa) ha fatto registrare un'altra vittima. Un ragazzo di appena 20 anni. In auto con lui un altro giovane di 23 anni, rimasto gravemente ferito. Anche in questo caso, come accaduto poco dopo a Fonte Meravigliosa, la Fiat Punto condotta dal 23enne è uscita fuori strada su via di Tor Bella Monaca schiantandosi sempre contro un albero all'altezza di via Amico Aspertini. I soccorritori nulla hanno potuto per Moustafà Abdalla Mohamed Abdalla Mansoli che viaggiava come passeggero. Fatale per lui l'impatto contro la pianta.

Investito ed ucciso sul raccordo anulare

La tragica giornata del 18 ottobre è stata preceduta da un'altra vittima. Un giovane di 30 anni, morto dopo essere stato travolto da un'auto sulla carreggiata interna del grande raccordo anulare, tra le uscite Prenestina e Tor Bella Monaca la notte tra il 16 ed il 17 ottobre scorsi. Una carambola fatale, con il 30enne colpito da una vettura venuta a contatto con un'altra auto nel tentativo di frenare per evitare l'uomo che camminava sull'A90. Anche per lui la morte è avvenuta praticamente sul colpo. Sull'investimento indagini da parte della polizia stradale.

Morta in sella ad una moto a 23 anni

Tragico destino toccato anche ad una studentessa statunitense di 23 anni residente da qualche mese a Monteverde. Kathrin Anne Butler, è morta dopo che la moto sulla quale si trovava assieme ad un suo amico di 26 anni - rimasto gravemente ferito - ha impattato contro un'auto sul lungomare Caio Duilio ad Ostia. Era il tardo pomeriggio di domenica scorsa. Lo schianto fatale intorno alle 19:00 del 16 ottobre all'altezza di piazza Sirio quando l'Honda Mc 700 condotta dal 26enne ha impattatato contro una Nissa Pulsar condotta da un 40enne romano, poi risultato positivo al test sull'assunzione di droga ed arrestato dagli agenti del X gruppo Mare della polizia locale di Roma Capitale. I caschi bianchi stanno terminando gli accertamenti per comprendere quali dei due mezzi coinvolti nel sinistro abbia oltrepassato l'incrocio con il semaforo rosso.

Morto a 21 anni vicino casa

Ad aprire il tragico bollettino dei morti in incidenti stradali era stato il giovane Gabriele Regini, deceduto in ospedale dopo che la Renault Modus che stava guidando è finita fuori strada su via di Saponara ad Acilia, con la vettura che dopo aver impattato contro un muro di cinta di una villetta finì la sua corsa nel canale sottostante che costeggia la strada del X municipio. Residente poco distante dal luogo della tragedia, il 21enne morì subito dopo essere stato trasportato all'ospedale Grassi di Ostia. Era l'alba dello scorso sabato 15 ottobre. 

Due morti a Genzano e Guidonia

Una strage che deve tenere conto anche dei sinistri avvenuti nella provincia dell'Urbe, che aggiungono altre due vittime della strada decedute a Genzano di Roma ed a Tivoli in soli quattro giorni. Prima vittima è stato Antonio Mazzone, morto a Genzano di Roma dopo che la moto che stava guidano ha impattato contro una vettura in via Matteotti. Anche per il 55enne residente nel comune dei Castelli Romani non ci fu nulla da fare, se non constatarne il decesso. 

Aveva invece 48 anni Salvatore Allocca, da tutti conosciuto come "Maurizio" morto al policlinico Gemelli di Roma nel pomeriggio del 18 ottobre a cause della gravi ferite riportate il precedente 7 ottobre in seguito ad un incidente stradale avvenuto a Campolimpido, frazione di Tivoli, nella provincia nord est della Capitale. Fatale per il 48enne residente a Villanova di Guidonia l'impatto contro lo sportello di un'auto aperto da una postina in servizio nella zona. Da subito in condizioni critiche Salvatore Allocca non ce l'ha però fatta ed è morto dopo 11 giorni di agonia in ospedale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti stradali: a Roma una strage senza fine, cinque morti in quattro giorni

RomaToday è in caricamento