Venerdì, 30 Luglio 2021
Incidenti stradali

Incidente Infernetto: gli amici di Mattia Roperto ridisegnano le strisce. In centinaia alla fiaccolata

Gli amici e i parenti di Mattia, 14 anni, ucciso da un'auto all'Infernetto, si sono ritrovati questa notte per una fiaccolata in suo ricordo. Lanciata petizione on line per la sicurezza stradale

Foto di Francesca D'Avello

Dolore, lacrime, rabbia. Ma anche applausi e lanterne luminose lasciate volare in cielo. L'Infernetto si è riunito in piazza, nella serata del 9 giugno, per ricordare Mattia Roperto, il ragazzo di 14 anni morto investito sulle strisce pedonali in via Francesco Cilea nella serata di lunedì scorso.

La fiaccolata

E' proprio in quella strada che amici, parenti e residenti si sono voluti incontrare. Una fiaccolata spontanea organizzata in poche ore, spontaneamente. La manifestazione si è svolta proprio nel luogo della tragedia, dove la Peugeot 108 guidata da un 22enne, risultato positivo alla cannabis e in stato di fermo nel suo domicilio con l'accusa di omicidio stradale, ha spezzato la vita dello studente del liceo Democrito.

Almeno un migliaio i partecipanti. Un intero quartiere che si è trasformato in un'unica voce di chi chiede più sicurezza stradale. "Mattia era un figlio, un fratello, un amico. Uno di noi. Mattia siamo noi", è il mantra unanime dell'Infernetto e di tutto il X Municipio. 

Gli amici di Mattia disegnano le strisce

Nel pomeriggio di martedì gli amici di Mattia avevano anche ridisegnato le strisce sul punto dell'incidente, all'incrocio tra via Francesco Cilea e via Bruno Maderna. Una di queste è stata dipinta rosso sangue. Sul web, invece, il quartiere ha lanciato una petizione online. 

IMG_1016-2

Fiori e messaggi sul luogo dell'incidente stradale

La richiesta di maggiore sicurezza stradale

I cittadini chiedono più controlli e più sicurezza: autovelox, ma anche dossi, per costringere le auto a rallentare. In pochissime ore l'iniziativa ha superato le 4.000 firme e prosegue: si chiedono attraversamenti pedonali rialzati e si evidenzia l'altissima pericolosità di strade come via Wolf Ferrari, via Giordano e la stessa via Cilea, dove si trova peraltro una delle scuole elementari e medie frequentate dai ragazzi della zona.

La presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo, su Facebook, si è così espressa: "Non ci sono parole per esprimere il dolore per ciò che è successo a Mattia, vittima della strada, travolto mentre attraversava sulle strisce. Una tragedia immane per la quale tutta l'amministrazione del X Municipio si stringe intorno alla famiglia. Tanti sono i temi che questo episodio solleva, primo fra tutti il fatto che quando si guida si deve essere perfettamente lucidi. Venerdì un gruppo di cittadini del quartiere Infernetto sarà ricevuto in Presidenza".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente Infernetto: gli amici di Mattia Roperto ridisegnano le strisce. In centinaia alla fiaccolata

RomaToday è in caricamento