Luca Miozzi, il cordoglio degli amici per la giovane vittima dell'incidente sulla Colombo

I compagni di scuola, gli amici di sempre, i semplici conoscenti: il dolore per la scomparsa di Luca Miozzi invade facebook

La faccia pulita di un ragazzo colorata dal sorriso di un bambino. Gli occhi curiosi dell'adolescente che si avvia a diventare grande. Le risate, i trofei e gli amici e le foto dell'infanzia. La morte di Luca Miozzi, 17 anni vittima in un incidente stradale sulla Colombo nel giorno di Santo Stefano, ha lasciato un vuoto enorme in chi lo conosceva. Da ieri, increduli i suoi compagni di scuola e i suoi amici più stretti hanno trasformato la sua bacheca facebook in una sorta di altare virtuale dove vengono postati messaggi di ogni tipo. 

Amici fraterni, cresciuti con lui e ancora increduli: "Siamo cresciuti insieme, abbiamo fatto tutto insieme. Purtroppo se ne vanno le persone migliori. Addio amico mio 17 anni di amicizia che continueranno. Adesso non ho le parole sono sicuro che anche da la su ci guarderai. Ciao Amico Mio". Frequentava il liceo Peano, nella zona di Roma 70 e un suo compagno sottolinea la grandezza del suo sorriso: "Mi vengono in mente le stronzate che facevamo e quanto ci facevi ridere. Non so come fare a tornare a scuola e non poter più parcheggiare accanto a te che mi aspettavi con quel tuo sorriso ed è proprio così che voglio ricordarti. Un bacione fratellone ti penserò sempre". 

C'è chi affida alle foto il proprio ricordo, a quelle di partite a calcetto e chiede a Luca "un'occhiata ogni tanto". E un suo vicino di casa, un ragazzo come lui lo ricorda così: "Non ci sono parole per descrivere un vicino di casa, un amico della prima elementare, una vita cresciuta insieme". E ancora i compagni di palestra: "Un ragazzo garbato e a modo, un viso pulito. Sei un campione. Il tuo maestro è fiero di te".

Uno dei suoi maestri sportivi lo ricorda postando una sua foto: "Era il 24/4/2016, il primo incontro di sanda non era andato benissimo, forse l'emozione del primo incontro. Ci siamo appartati per parlare faccia a faccia e superare l'emotività iniziale. Hai tirato fuori le palle e sei riuscito a vincere in gran bello stile ricevendo i complimenti dell'arbitro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vigili nella bufera, Raggi guarda Report e decide di ruotare gli agenti. In bilico il comandante Napoli

  • Primark inaugura a Roma: lunghe file dalle prime ore del mattino

  • Roma, la mappa del contagio dell'ultimo mese: ecco i municipi e i quartieri con più casi

  • Apre Maximo Shopping Center, un nuovo centro commerciale a Roma: 160 negozi sulla Laurentina. Grande attesa per Primark

  • La pasticceria di Roma premiata con "Tre Torte" dal Gambero Rosso: è tra le migliori d'Italia

  • Tamponi in farmacia a Roma e nel Lazio: dove farli. L'elenco completo e gli indirizzi

Torna su
RomaToday è in caricamento