rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Incidenti stradali

Incidente d’auto per i genitori di Stefano Cucchi. L'appello: "Chi ha visto parli"

Il sinistro è avvenuto nella mattina di venerdì sull’autostrada Roma-Civitavecchia

Viaggiavano a bordo di un’auto quando sono stati investiti da un’altra vettura che non si è fermata a prestare soccorsi. Vittime dell’incidente sono i genitori di Stefano e Ilaria Cucchi, con loro altre due persone. Tutti sono stati trasportati in ospedale. Per ricostruire la dinamica dell’incidente, Ilaria Cucchi ha lanciato un appello dalle sue pagine social: “Mi appello a chiunque potesse aver visto qualcosa. Si faccia avanti, non è giusto che la faccia franca”.

Nella mattina di venerdì, sull’autostrada Roma Civitavecchia, l’auto è stata speronata “Mandandola in testa coda” come specificato da Ilaria Cucchi, all’altezza di Monte Romano. “Sono esplosi tutti i vetri dei finestrini. Sono finiti tutti in ospedale” ha precisato la donna. Rita Calore e Giovanni Cucchi sono stati trasportati all’ospedale di Civitavecchia: la mamma di Stefano e Ilaria, attualmente ricoverata, ha riportato una frattura alla clavicola e a quattro costole. Il papà, invece, una contusione al ginocchio. Ancora non si conosco le condizioni dei due accompagnatori che Cucchi spiega essere stati accompagnati in un altro ospedale.

“Il conducente del veicolo accompagnatore è scappato. La polizia stradale sta indagando” ha spiegato ancora Ilaria Cucchi nel post pubblicato sulla pagina Facebook nella giornata di venerdì. È per comprendere la dinamica e trovare giustizia che la donna si appella a chiunque avesse informazioni utili per risalire all’autore dell’incidente. Lo scorso aprile, la famiglia Cucchi protagonista della cronaca per aver messo la parola 'fine' a una battaglia che durava da anni: la Cassazione ha riconosciuto l'omicidio di Stefano e ha condannato a 12 anni i due carabinieri coinvolti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente d’auto per i genitori di Stefano Cucchi. L'appello: "Chi ha visto parli"

RomaToday è in caricamento