rotate-mobile
Incidenti stradali

Ciro Immobile, lo scontro con il tram e il mistero del semaforo: versioni differenti

L'attaccante della Lazio dopo l'incidente ha accasato il tram di essere passato col rosso. Il macchinista invece sostiene che fosse verde. C'è un testimone, ma nessuna videocamera

La dinamica dell'incidente stradale che ha visto coinvolto il suv guidato da Ciro Immobile con un tram della linea Atac nella mattinata di domenica 16 aprile, è un mistero. I due conducenti battagliano sul colore del semaforo. La polizia locale di Roma capitale indaga, ma al momento non c'è ancora nessuna certezza considerando anche il fatto che in quel punto non sarebbero presenti telecamere.

Come stanno Immobile e il macchinista del tram

L'aspetto più importante, quello delle condizioni fisiche del macchinista, del calciatore e delle sue figlie e dei passeggeri del tram è risolto: qualche frattura, tanto spavento ma fortunatamente nessuno è grave.

Il numero 17 del club biancoceleste ha riportato un trauma distorsivo della colonna vertebrale e frattura composta dell'undicesima costola destra. In una nota la società ha spiegato che il calciatore rimarrà "in osservazione presso il reparto di medicina di urgenza" e salterà almeno le prossime partite. La figlia più piccola è stata portata per accertamenti al Bambino Gesù.

Il macchinista è stato trasferito in ambulanza in codice giallo all'Umberto I dove è stato dimesso con una prognosi di sette giorni. Otto passeggeri sono caduti a terra e hanno riportato escoriazioni e sono stati trasferiti in codice verde in vari ospedali della Capitale.

Il semaforo rosso

Resta da accertare la responsabilità e la dinamica di quanto avvenuto. Immobile sostiene che il tram 19 che si è scontrato con la sua Land Rover Defender in piazza delle Cinque Giornate vicino a Ponte Matteotti tra Flaminio e Prati è passato con il rosso. Il tranviere alla guida, 55 anni, sostiene il contrario, che il suo semaforo era verde e aggiunge che Immobile andava troppo veloce.

L'unica certezza è che l'auto ha centrato in pieno il mezzo, in un incrocio che già in passato è stato teatro di incidenti. I due mezzi coinvolti sono stati posti sotto sequestro e con ogni probabilità sottoposti a perizia per cercare anche di accertare la velocità a cui viaggiavano. 

L'incrocio pericoloso

Quello di piazza delle Cinque Giornate è un incrocio pericoloso e già teatro di vari incidenti, difficile stabilire la verità. Lì era presente un testimone, che è stato già ascoltato, ma non ci sarebbero telecamere utili. "Io ero fermo al semaforo. Ho visto la macchina che arrivava e andava addosso al tram. Era rosso? Dicono che lì è un altro semaforo. Non ci ho capito molto", ha detto l'uomo ad Agtw.

Immobile, tramite il legale, ha fato sapere che il primo pensiero è stato per "le sue due figlie e per il conducente del tram al quale augura una buona ripresa". Sulla dinamica, l'avvocato sottolinea che il calciatore è "conscio di aver agito correttamente" e "confida in pieno nelle autorità che stanno svolgendo gli accertamenti". 

I sindacati Usb e Orsa, invece, pongono dubbi sulla versione di Immobile: "In quel punto il tram ha una fermata attaccato al semaforo. Effettuando la fermata è quasi impossibile ripartire con il rosso. Il conducente, essendo un professionista, sa benissimo che anche con il colore giallo sarebbe stato costretto a fermarsi vista la grande ampiezza dell'incrocio e del tram. Chiediamo chiarezza".

Le reazioni

Sul caso è intervenuto anche l'assessore alla mobilità del Comune di Roma Eugenio Patané: "Il tram pesa 18 tonnellate ed è uscito dal binario andando sopra il rilievo. Il carrello in quel punto pesa sei tonnellate. In questo momento però non mi sento di dare responsabilità all’uno o all’altro, lo deve accertare la Polizia municipale". 

"La nostra preoccupazione adesso è per le condizioni fisiche di tutti. Il tranviere è entrato all'Umberto I in codice rosso, poi è diventato arancione. Per fortuna è stato subito dimesso con sette giorni di prognosi. L'ho sentito telefonicamente: la sua preoccupazione erano le bambine di Immobile. Ora il tema sono le condizioni fisiche di tutti", ha aggiunto l'assessore ad Ansa. L'autista pubblicamente non ha voluto parlare, ma la sua versione è chiara: non aveva il semaforo rosso.

Anche sindaco, Roberto Gualtieri, ha sentito al telefono il tranviere per augurargli una pronta guarigione. Il sindaco ha inoltre chiamato pure il presidente della Lazio Claudio Lotito per informarsi sulle condizioni del giocatore e dei suoi familiari e trasmettergli gli auguri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciro Immobile, lo scontro con il tram e il mistero del semaforo: versioni differenti

RomaToday è in caricamento