menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emanuele Lenzoni morto in un incidente sulla Tiburtina, l'appello della famiglia: "Cerchiamo testimoni"

Residente a San Basilio, Emanuele Lenzoni era uscito da casa per andare a lavoro. La famiglia ha incaricato anche un legale

"Vogliamo sapere cosa sia successo veramente. Cerchiamo testimoni". A dirlo, a RomaToday, sono i parenti di Emanuele Lenzoni, il 38enne morto in seguito ad un incidente stradale avvenuto alle prime ore di lunedì sulla via Tiburtina, nella zona di Ponte Mammolo.

Un incidente autonomo (senza il coinvolgimento quindi di altri veicoli), secondo i primi riscontri della polizia locale di Roma Capitale, che potrebbe essere stato causato dalla presenza di ghiaccio sulla strada e sul quale i parenti di Emanuele Lenzoni, papà di due bambini di 4 anni, cercano risposte. 

Emanuele Lenzoni, da quanto emerso, era uscito da casa - nella zona di San Basilio - per andare a lavoro. Sulla via Tiburtina, nel tratto di consolare che costeggia la stazione della metro Ponte Mammolo in prossimità di una curva, la caduta dalla sella del suo scooter Honda Sh, in corrispondenza dell'intersezione con via Cassino.

Inutili i soccorsi. Oggi l'autopsia con l'esito che sarà a disposizione del legale della famiglia del 38enne nelle prossime ore. Già, perché i familiari di Lenzoni hanno affidato il caso ad all'avvocato Massimo Iesu. Tra le ipotesi anche quella che lo scooterista sia stato investito da un'auto, che poi avrebbe proseguito la marcia. 

Ecco perché i familiari cercano testimoni. Vogliono conoscere l'esatta dinamica. L'avvocato Iesu ha chiesto anche l'acquisizioni delle telecamere di sorveglianza e valuta anche un'altra possibilità che implicherebbe una eventuale azione legale contro il Comune: alle 6 del mattino del 18 gennaio, quel tratto di via Tiburtina era ghiacciata

Una mattinata, quella di lunedì, dove molte arterie stradali sono state rese pericolose dalla presenza di tratti ghiacciati. Oltre ad aver chiuso diverse vie, gli agenti della municipale avevano infatti accertato altri tre sinistri, senza gravi conseguenze, sulla via Litoranea ed in via Castel Porziano, nel territorio del X Municipio, e sulla via Tiberina (altezza Viadotto Giubileo del 2000), a Roma Nord.  

L'incidente che ha visto coinvolto Lenzoni, invece, è stato fatale. "Come mai, in caso di strada ghiacciata, il Comune non ha sparso il sale sulle strade principali e sulle complanari?", il dubbio del legale della famiglia. Di certo al momento c'è che Emanuele Lenzoni ha lasciato una famiglia, una moglie e due bambini di 4 anni. 

Chiunque abbia visto qualcosa in merito all'incidente può scrivere a romatoday@citynews.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RomaToday è in caricamento