Incidenti stradali

Buche in strada e altre trappole: l'odissea dei motociclisti romani

Il problema delle buche sulle strade della Capitale è atavico. Radici, rotaie dissestate e segnaletica carente sono altre trappole per i centauri che si organizzano e chiedono più attenzione

Buche come crateri, radici che sporgono sollevando il manto stradale, strisce rese scivolose dalla pioggia e dalla vernice della segnaletica orizzontale. E poi indicazioni carenti, tombini e cartelloni pubblicitari non a norma. Dura la vita dei motociclisti e scooteristi romani, come se non bastasse il già frenetico e caotico zigzagare tra le auto nel traffico cittadino. Stanchi di combattere quotidianamente con i mille pericoli delle strade dissestate, rischiando finanche di rimetterci la pelle, i centauri si organizzano sul web cercando di sensibilizzare e di coinvolgere nella loro "battaglia" cittadini ed istituzioni.

Le vie più "rischiose" della città richiederebbero piccoli e grandi interventi di manutenzione, ma troppo spesso divengono trappole letali: solo per citare i casi più recenti, lo scorso primo novembre in via Tuscolana è tornato a salire il triste bilancio delle vittime dei cartelloni killer, mentre in via Vigna Murata, strada ad alto tasso di incidenti al confine tra i Municipi XI e XII, a perdere la vita è stato un 70enne a bordo del suo scooter. Romatoday ha raccolto la testimonianza di Massimo Mancini, vice-presidente di "Buke'n Bike, occhio alla buca.it", sito nato nel 2005 dall'esigenza di documentare lo stato delle strade capitoline e di informare tutti i Municipi attraverso le segnalazioni degli utenti.

Municipio per municipio, strada per strada, il sito Internet del gruppo di moto-scooteristi raccoglie testimonianze, fotografie e denunce sulle tante insidie delle strade che richiederebbero una manutenzione costante. "Il problema delle buche è storico - racconta Mancini - e richiederebbe un'attenzione particolare. Invece la manutenzione è poca e i rischi che corriamo, di conseguenza, aumentano. I fondi che vengono dalle multe, per dirna una, dovrebbero essere utilizzati per legge per la manutenzione delle strade: ma che fine fanno queste risorse?" Sabato scorso il forum di centauri "Silver Wings community" ha organizzato un corteo contro le strade-killer per le vie del centro. "Eravamo un centinaio - dice Mancini -, veramente pochi se si considera che a Roma ci sono 600 mila, o forse più, scooteristi e motociclisti. Vogliamo organizzare una grande manifestazione per l'anno prossimo, cercando di coinvolgere più gente possibile".

"Una questione fondamentale - prosegue Massimo Mancini - è quella che poi sfocia in ambito legale, in caso di incidente: il motociclista che cade per una buca è abbandonato a se stesso. Bisogna chiamare i vigili, redigere un verbale, rivolgersi all'ufficio legale del comune, chiamare un avvocato. Al posto di questo sistema così farraginoso, andrebbero coinvolte le associazioni dei consumatori per fare da intermediari tra i cittadini motociclisti e gli enti locali". Tra le proposte concrete dell'associazione, c'è quella di realizzare uno schedario/database delle strade comunali, con una sorta di 'patente' con archivio storico delle opere di manutenzione (asfalti, rotatorie, guard?rail problema annoso di noi motociclisti, segnaletica ecc).
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buche in strada e altre trappole: l'odissea dei motociclisti romani

RomaToday è in caricamento